Napoli, sciame sismico avvertito a Pozzuoli

Una mattinata di paura quella di ieri per gli abitanti di Pozzuoli, nel napoletano: nonostante nessuna scossa abbia superato i due gradi e mezzo di intensità, uno sciame sismico composto da oltre 25 scosse si è avvertito nell’area flegrea per oltre due ore, spaventando gli abitanti, che si sono subito riversati in strada.

Per precauzione, gli alunni di alcune scuole, dalle elementari ai licei, sono stati condotti dagli insegnanti all’esterno degli edifici. Molti puteolani hanno lasciato le proprie abitazioni e si sono riversati nelle strade.

Lo sciame sismico è stato di ben 27 scosse: la prima avvertita alle ore 9,20 e l’ultima alle 10,20 che tra l’altro è quella più forte registrata dall’Osservatorio vesuviano di 2.3 della scala Richter localizzato nell’area della Solfatara ad una profondità di 2 chilometri. Le zone maggiormente colpite sono quelle di Agnano, Bagnoli, Solfatara, Pozzuoli centro e Pozzuoli alta.

Le aree dove la popolazione ha avvertito di più il movimento sussultorio che fa pensare a un ritorno del bradisismo, sono il centro storico, la Solfatara, Arco Felice e Toiano. Non si registrano danni, ma soltanto tanto spavento.

Ai Campi Flegrei sono installati strumenti per il monitoraggio continuo della sismicità, delle deformazioni del suolo e delle emissioni di gas dal suolo e dalle fumarole. Inoltre si effettuano periodiche campagne per la misura di parametri geofisici e geochimici.

Next Post

GB, Cameron contro Corbin: svolta al centro

In Gran Bretagna David Cameron cerca di svoltare al centro per controbilanciare le posizioni di sinistra di Corbin. Se Jeremy Corbyn, leader dei Laburisti inglesi, al congresso dei Labour aveva impresso una decisa svolta a sinistra, David Cameron, per conquistare altro elettorato, promette una lotta senza quartiere alla povertà e […]
GB, Cameron contro Corbin svolta al centro