Napoli, ucciso 24 enne in un agguato e ferito il fratello

A Napoli purtroppo sembra essersi riaperta una nuova, terribile, stagione di violenza: dopo l’omicidio di una donna capoclan che risale solamente a pochi giorni fa, un nuovo ennesimo episodio di sangue è avvenuto nel capoluogo campano.

Un giovane – Domenico Aporta, di 24 anni, con precedenti penali e ritenuto vicino al clan di camorra «Vanella Grassi» – è stato ucciso con almeno un colpo di arma da fuoco alla testa la notte di venerdì  a San Pietro a Patierno, alla periferia di Napoli. Il fratello Mariano, di 21 anni, incensurato, è stato ferito.

Il fratello è stato accompagnato in ospedale intorno alle 4 per una ferita a un braccio; agli agenti ha spiegato di essere stato ferito mentre si trovava in piazza Di Vittorio, in altro luogo quindi rispetto a quello dell’agguato nel quale ha perso la vita Domenico Aporta. Mariano ha scoperto che quest’ultimo era stato ucciso solo quando è tornato sul luogo dell’agguato con la polizia.

Domenico Aporta – si apprende dalla Questura di Napoli – aveva precedenti per rapina e stupefacenti, abitava in via Cupa Santa Cesarea e – secondo gli investigatori – risultava legato al clan di camorra Vanella Grassi.

Quello della scorsa notte è il secondo omicidio compiuto in un mese nel quartiere di San Pietro a Patierno. Lo scorso 19 settembre, in un agguato, era stato ucciso Andrea Saraiello, 26 anni, incensurato.

Loading...
Potrebbero interessarti

Rimini, cerca di uccidersi per aver preso una nota

Ci sono tanti, troppi, ragazzini che prendono sottogamba la scuola, non si…

Il contrattacco della Boschi

Il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, commenta il dissidio della minoranza…