Niccolò Bettarini, il suo aggressore è stato scarcerato

Anche noi vi raccontammo i terribili momenti che vissero Simona Ventura e Stefano Bettarini il primo luglio dello scorso anno: il loro figlio maggiore, Niccolò, fu accoltellato fuori dalla discoteca Old Fashion di Milano.

Per fortuna il ragazzo non riportò gravi conseguenze e dalle ferite si riprese in breve tempo, ma naturalmente i responsabili dell’aggressione furono immediatamente fermati e processati.

In particolare l’uomo, 30anni, lo scorso gennaio è stato condannato a nove anni di carcere, ma come spesso capita quando ci si incaglia nelle maglie della giustizia italiana, già è stato scarcerato.

Questo perché il gip ha ritenuto che, “nonostante la consistenza della pena” e i “precedenti penali dell’imputato”, devono essere “tenute in considerazione alcune osservazioni” della difesa, in primis la “storia di difficile vita familiare con genitori dipendenti dall’eroina ed il padre a lungo detenuto”, una situazione che ha portato anche il giovane “a una precoce dipendenza da sostanze stupefacenti e alla commissione di una serie di reati”.

L’uomo è stato quindi mandato agli arresti domiciliari con l’obbligo, però, di frequentare un centro di cura per tossicodipendenti e una comunità dove dovrà lavorare, proprio per favorire quella «riabilitazione» a cui si è mostrato già disponibile.

La decisione è stata accolta nel peggiore dei modi dallo stesso Niccolò Bettarini, che sui social si è sfogato: “Complimenti al giudice, non studio giurisprudenza, ma se condanno qualcuno per tentato omicidio, dopo un mese li scarcero tutti. Questa è la giustizia italiana, è uno schifo”.

Potrebbero interessarti

Aretha Franklin riesce a commuovere persino Obama

Se Barack Obama si commuove pubblicamente nell’ascoltarla, non c’è dubbio che la…

Vera Atyushkina la velina che non ci sta!

Classe 1982 è Vera Atyushkina, la velina bellissima bionda di Striscia la…