Nichi Vendola imputato nel processo sul disastro dell’Ilva

Svolta decisiva per il processo per il presunto disastro ambientale dell’Ilva: il gup del tribunale di Taranto Vilma Gilli ha rinviato a giudizio 44 persone fisiche (tra cui l’ex governatore Nichi Vendola) e tre società (Ilva Spa, Riva Fire e Riva Forni Elettrici) per l’inchiesta “Ambiente Svenduto”.

Vendola è accusato di concussione aggravata in concorso. Secondo l’accusa, Vendola avrebbe esercitato pressioni sul direttore generale di Arpa Puglia (Agenzia regionale di protezione ambientale), Giorgio Assennato (a sua volta a giudizio per favoreggiamento personale), per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva.

La Procura sostiene poi che Vendola avrebbe consentito all’azienda di continuare a produrre senza riduzioni di emissioni inquinanti, come invece suggerito dall’Arpa in una nota del 21 giugno 2010 stilata dopo una campionatura che aveva rilevato picchi di benzoapirene.

I fatti contestati sono compresi nel periodo che va dal 22 giugno 2010 al 28 marzo 2011. La concussione aggravata è contestata a Vendola in concorso con l’ex responsabile Rapporti istituzionali dell’Ilva Girolamo Archinà, l’ex vice presidente di Riva Fire Fabio Riva, l’ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto Luigi Capogrosso e il legale dell’Ilva Francesco Perli.

«Vado a processo con la coscienza pulita – ha commentato Vendola – di chi sa di aver sempre operato per il bene comune. Un rinvio a giudizio non è una condanna, è soltanto la porta di ingresso nel processo. Ovviamente, mi brucia molto la ferita che subisco: rappresento la politica che non è stata a libro paga dei Riva. E molti non possono dire la stessa cosa».

Next Post

Berlusconi regala alla compagna la collana di mamma Rosa

Settimane ricche di eventi per l’ex Premier Silvio Berlusconi, impegnatissimo sia in progetti politici che in ambito privato. Mentre ha annunciato al mondo la sua intenzione di morire da presidente di Forza Italia, ma allo stesso tempo fondando un nuovo partito in parallelo, tra trovato anche il tempo di festeggiare […]