Novità nella lotta contro le allergie alimentari
Novita nella lotta contro le allergie alimentari

Novità e consigli contro le allergie alimentari

Arachidi, Crostacei, Uova, Latte, la lista è davvero lunga ma mentre per alcuni questa può sembrare una lista della spesa, per coloro che sono allergici a questi cibi così comuni, diventa tutto un vero incubo. Più di 50 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di almeno un’allergia alimentare e molte di queste possono portare a gravi problemi di salute, in rari casi persino alla morte.

Le reazioni allergiche al cibo sono più comuni nei bambini, con i Centers for Disease Control and Prevention che segnalano dal 4 al 6% di giovani negli Stati Uniti, ma nonostante un impatto così significativo sulla popolazione, siamo più vicini a risolvere il problema?

Non abbiamo ancora tutte le risposte, ma negli ultimi anni abbiamo trovato alcuni nuovi importanti indizi“, ha affermato il dott. Stephen Prescott, presidente della Oklahoma Medical Research Foundation. Le allergie alimentari si verificano quando il corpo ha una risposta immunitaria specifica ad un determinato alimento, mentre il nostro sistema immunitario è progettato per combattere gli invasori estranei come i virus per mantenerci sani, a volte può identificare erroneamente una sostanza innocua, ad esempio un arachide o del latte come una minaccia.

Il dott. Prescott rivela anche che per molti anni gli esperti di salute si sono concentrati sull’identificazione degli allergeni e sulla necessità di dire alla gente di stare lontano da determinati cibi: “Ciò ha comportato requisiti stringenti per le etichette alimentari” ha affermato. “Tuttavia, la prevalenza di allergie ad esempio alle arachidi continuava ad aumentare“.

Nel tentativo di capire perché, gli scienziati hanno studiato centinaia di bambini ritenuti ad alto rischio di sviluppare un’allergia alle arachidi, hanno indicato casualmente ad alcuni dei bambini di mangiare regolarmente prodotti di arachidi, mentre negavano agli altri tutti gli alimenti contenenti noccioline.

All’età di 5 anni, meno del 2% di quei bambini nutriti con le arachidi aveva sviluppato un’allergia, rispetto a quasi il 14% di coloro che avevano evitato le arachidi.

Un secondo studio che ha coinvolto bambini che avevano già mostrato sensibilità alle arachidi all’inizio dello studio ha prodotto esiti similari: “Questi risultati suggeriscono che abbiamo sbagliato“, ha detto Prescott, medico e ricercatore, “Invece di proteggere i bambini dagli allergeni alimentari in giovane età, sembra che in questo modo li esponiamo maggiormente“.

In effetti, l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive ha emesso nuove linee guida che raccomandano di dare ai bambini purè, pappette in polvere di arachidi o estratto prima che abbiano 6 mesi.

Se i genitori seguiranno questo consiglio, mi auguro di vedere i numeri delle allergie alle noccioline iniziare a calare nei prossimi anni“, ha detto Prescott. “Se ciò accadesse, sarebbe un grande passo avanti“.

fonte@newok.com

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Contraccezione maschile, a un passo dall’invenzione del “pillolo”

E se in un giorno, magari non troppo lontano, la contraccezione, dal…

Le Ostie del Vaticano ok anche per i celiaci

Com’è noto, la celiachia è una delle malattie del nostro secolo. Viene…

August Blues, la malattia di agosto che porta tristezza e stanchezza

Questa ci mancava, ma è arrivata: August Blues, la malattia di agosto…

Le stelle di Natale di AIL contro la leucemia

Come ogni anno arriva puntualmente l’appuntamento per una nobile causa che da…