Nuova Giulia Alfa Romeo, a maggio il ritorno di un mito

Eleonora Gitto

La nuova Giulia sarà disponibile da martedì3 maggio in tutte le concessionarie Alfa Romeo.

Ritorna con un look rifatto e una meccanica da urlo la mitica Giulia Alfa Romeo. L’auto sarà disponibile in cinque allestimenti: Giulia, Super, Quadrifoglio, Business e Business Sport.

Gli ultimi due, come si intuisce facilmente, sono dedicati alle aziende. A questi si aggiunge un allestimento molto speciale: la Giulia First Edition.

La motorizzazione ha si varianti: 2.2 Diesel nelle versioni da 150 Cv e da 180 Cv con cambio manuale a 6 marce oppure automatico a 8 marce e 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 Cv abbinato al cambio manuale a 6 marce.

A quest’ultimo cambio dal mese di giugno si aggiungerà il cambio automatico a 8 marce.

Il design è italiano e si vede. Nella splendida edizione speciale First Edition, sviluppata in occasione del lancio sull’allestimento Super, l’Alfa Romeo si è davvero superata.

La First Edition è disponibile in due differenti versioni. La prima è stata pensata per soddisfare le esigenze dei clienti che cercano un’auto sportiva. E per loro sono disponibili cerchi in lega sportivi, fari Bi-Xenon e pinze freno colorate.

La seconda è per quanti chiedono soprattutto confort. E per loro la Giulia First Edition ha pensato a sedili di pelle e sistema infotainment Alfa Connect da 8,8 pollici con RadioNAV.

Quanto costa questo nuovo “vecchio” gioiello appena sfornato da mamma Alfa Romeno? Il prezzo varia tra 35.500 e 79.000 euro. Le versioni Super 2.2 Diesel 150 e 180 C sono proposte a 40.500 euro.

Next Post

Claude Shannon, il doodle di Google per il papà dell’informatica

Google dedica il doodle odierno a Claude Elwood Shannon, il papà dell’informatica. Puntuale come sempre arriva il doodle di Google a ricordarci che sono trascorsi esattamente 100 anni dalla nascita del geniale Claude Elwood Shannon. L’ingegnere e matematico statunitense, infatti, nacque a Petoskey il 30 aprile 1916. Claude Shannon è […]
Claude Shannon, il doodle di Google per il papà dell’informazione