Oristano, negato a un detenuto il suo cane per la pet therapy

Chi ha un amico a quattro zampe sa benissimo come il loro amore vale più di qualsiasi medicina: la vicinanza del proprio animale domestico aiuta immediatamente a star meglio ed ad affrontare le difficoltà che si si trova sul proprio cammino.

E non sono solo sensazioni soggettive, dato che sono anni che viene praticata, a livello medico, la pet therapy, terapie basate proprio sull’interagire con gli animali.

Ed è così che uno psicologo aveva prescritto, per curare delle crisi depressive, la pet therapy a un detenuto di Oristano, che però si è visto negare il permesso di avere con sé il proprio cane, dal direttore del penitenziario.

«Non può prendersi un provvedimento che poi, a condizioni analoghe, non venga applicato anche agli altri detenuti», ha risposto il direttore Pierluigi Farci.

La pet therapy, ricorda la presidente dell’associazione Socialismo Diritti e Riforme (Sdr), “offre opportunità di recupero formidabili soprattutto per i disturbi dell’umore nei casi anche gravi di autismo. Nel rivolgere un appello al responsabile del dipartimento e al ministro della Giustizia, auspichiamo che anche in Sardegna un detenuto possa incontrare almeno un cane, specialmente quando le sue condizioni psichiche sono particolarmente difficili”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Blue Whale, il terribile gioco prende piede anche in Italia

Da adulti, è difficile capire come i nostri ragazzi possano cadere in…

Vomito e diarrea è arrivato Norovirus in Europa

I sintomi sono tipici come quelli di una brutta influenza, d’altronde proprio…