Padre Fedele, assolto dalle accuse di molestie e stupro

Una storia amara, di quelle che non dovrebbero accadere, avendo come protagonista un uomo di Chiesa, per di più uno di quelli conosciuti, che si è eretto da anni da esempio di fede, generosità e umanità, sempre a stretto contatto anche coi più giovani.

Padre Fedele è stato assolto dalla Corte d’Appello di Catanzaro dall’accusa di violenza sessuale nei confronti di una suora: l’ ex frate, sospeso a divinis proprio per la vicenda giudiziaria, finì in carcere nel gennaio del 2006, e fu rinviato a giudizio assieme al suo Segretario, Antonio Gaudio, il 9 gennaio del 2008. Padre Fedele, che oggi non era presente in aula, e Gaudio furono condannati in primo grado con la sentenza emessa il 6 luglio 2011 dal tribunale collegiale di Cosenza rispettivamente a 9 anni e 3 mesi, e 6 anni e 3 mesi.

Pena ridotta per Gaudio, assolto dall’accusa di avere violentato in due occasioni la religiosa ma condannato a 3 anni e 4 mesi per la violenza su una ospite dell’Oasi Francescana di Cosenza.

“Adesso spero di poter tornare a dire messa, altrimenti non ha valore. Se non tornassi a dirla sarei uno sconfitto”, il primo commento di padre Fedele all’assoluzione.

“Questa sentenza è il frutto del duro lavoro di dieci anni, già la Corte di Cassazione ci aveva visto lungo e finalmente abbiamo trovato dei magistrati che applicano le norme del processo penale”, ha commentato l’avvocato Eugenio Bisceglia.

Potrebbero interessarti

Bolzano, bimba rinchiusa in auto dalla madre che va a fare shopping

Va bene che i saldi sono appena iniziati e quindi non sono…

Termovalorizzatori, è scontro tra Salvini e Di Maio

Da quando hanno creato l’attuale governo di coalizione, Matteo Salvini e Luigi…