Palio di Siena, abbattuta Periclea, cavalla infortunata agli arti posteriori

Per gli abitanti della città è una tradizione, un pezzo di storia che si ripete da secoli, ma per gli animalisti non è altro che una mattanza sanguinaria, e dinanzi a certe scene proprio non si riesce a dargli torto.

A Siena, durante le operazioni della “tratta” in piazza del Campo svoltesi prima dell’assegnazione dei cavalli per il Palio di giovedì 2 luglio, Periclea, uno degli otto cavalli che ha preso parte alla prima delle quattro batterie, si è infortunato seriamente.

L’animale è inciampato negli arti posteriori del cavallo che lo precedeva: subito soccorso, è stato trasportato alla clinica veterinaria «Il Ceppo». Per Periclea era la prima esperienza sul tufo di Piazza del Campo ma era un cavallo noto nel mondo dei palii soprattutto in Sardegna: un mese fa aveva corso anche il Palio di Ferrara.

E alla fine l’animale, una femmina di 7 anni, è stata abbattuta: le cure non hanno evitato complicazioni “che non hanno consentito”, spiega una nota del Comune, di salvarlo.

«L’ennesimo incidente mortale che poteva essere evitato fermando una manifestazione indegna e sanguinaria. Dalla sua nascita infatti, sono morti più di cinquanta cavalli» denuncia il Partito Animalista Europeo.

Next Post

Si costituisce il rampollo Paolo Ligresti dopo due anni di latitanza

Una latitanza di lusso la sua, trascorsa in Svizzera e durata oltre due anni, ma alla fine Paolo Ligresti ha deciso di costituirsi alla polizia italiana, ed al momento si trova già in stato di fermo, agli arresti domiciliari. A suo carico pendeva un’ordinanza di custodia in carcere per aggiotaggio e falso […]