Pamela Anderson si scaglia a sorpresa contro l’hard

È stata una delle donne più belle del mondo, con le sue curve mozzafiato che hanno turbato il sonno di milioni di uomini in tutto il mondo, che hanno avuto anche la fortuna di vederla sovente nuda e protagonista di pellicole a luci rosse.

Ma, sull’argomento, Pamela Anderson ci è tornata recentemente ed ora pare abbia le idee ben chiare: l’x bagnina maggiorata di “Baywatch” ha infatti scritto una lettera aperta al “Wall Street Journal” per sostenere che la pornografia “è un pericolo senza precedenti”.

La pornografia è un pericolo senza precedenti per il modo in cui è diffusa e di facile accesso. Quante famiglie soffrono?. Quanti matrimoni finiscono? Quanti uomini di talento rovinano le loro relazioni e le loro carriere per un breve momento di onanismo?” si chiede l’ex modella di Playboy e star di Barb Wire.

Pam ha scritto il suo intervento insieme al rabbino conservatore Shmuley Boteach.

Il modo in cui è disponibile gratuitamente, accessibile in maniera anonima e facilmente disseminata, rende la pornografia oggi un pericolo senza precedenti – scrivono i due -. Chiudere oggi tramite delle leggi il vaso di Pandora del porno è impossibile, è troppo tardi. Ma la gente deve parlarne e insegnare ai propri figli che chi ne fa uso è uno sfigato“.

Ricordiamo, a titolo informativo, che Pam ha posato spesso per “Playboy” e che ha girato due porno amatoriali che sono diventati molto popolari su internet.  Il primo girato con Tommy Lee nel corso della loro luna di miele, il secondo con Bret Michaels, sono finiti in rete perché “rubati” – almeno così dicono – anche se molti credono che siano stati i protagonisti stessi a diffondersi.

Next Post

Riccardo Scamarcio prova a far pace con la sua Valeria

In oltre dieci anni d’amore, al di là di tutti i pregiudizi e le malelingue, sono sempre stati una coppia bella e affiatata, eppure negli ultimi mesi qualcosa e andata storta e Valeria Golino e Riccardo Scamarcio si sono molto allontanati. All’inizio hanno provato a negare la crisi, poi l’evidenza […]