Per Salvini Galantino è un vescovo comunista
Per Salvini Galantino è un vescovo comunista

Per il leader della Lega Matteo Salvini Monsignor Galantino è un vescovo comunista.

Lo ha detto in un’intervista al Corriere della Sera con la solita boria, la solita spocchia, e dicendo le solite cretinate.

Il buon Matteo dice pure che a pensar male, viene pure da credere che Galantino voglia difendere il business miliardario che una parte minoritaria della Chiesa coltiva grazie agli immigrati.

Ora, come fa un comunista a difendere un business miliardario, è cosa che solo un cretino patentato sa.

E’ come se Berlusconi si mettesse a difendere le prese di posizione del Partito Comunista Cinese o le stupidaggini che dice Fidel Castro.

Galantino non solo rappresenta la CEI, cioè il consesso unitario di tutti i Vescovi, ma la Chiesa nel suo complesso.

Salvini difende, come risaputo, le posizioni retrograde di un 10% della popolazione italiana, che non sa utilizzare convenientemente il cervello quando si tratta di fare scelte politiche.

O lo utilizza in direzione di scelte che nulla hanno a che vedere col buon senso, la ragione e la lungimiranza.

Ma è sempre, fortunatamente, una persona su dieci, ed è auspicabile che il picco massimo sia stato raggiunto. Poi torna la politica.

Loading...
Potrebbero interessarti

Alle regionali 2015 trionfano gli impresentabili

Le elezioni regionali 2015 si sono appena concluse e la cosa certa…

Napoli, sventata ingegnosa truffa ai distributori di benzina

Anche se, negli ultimi mesi, il prezzo di benzina e Diesel è…