Per Salvini Galantino è un vescovo comunista

Eleonora Gitto

Per il leader della Lega Matteo Salvini Monsignor Galantino è un vescovo comunista.

Lo ha detto in un’intervista al Corriere della Sera con la solita boria, la solita spocchia, e dicendo le solite cretinate.

Il buon Matteo dice pure che a pensar male, viene pure da credere che Galantino voglia difendere il business miliardario che una parte minoritaria della Chiesa coltiva grazie agli immigrati.

Ora, come fa un comunista a difendere un business miliardario, è cosa che solo un cretino patentato sa.

E’ come se Berlusconi si mettesse a difendere le prese di posizione del Partito Comunista Cinese o le stupidaggini che dice Fidel Castro.

Galantino non solo rappresenta la CEI, cioè il consesso unitario di tutti i Vescovi, ma la Chiesa nel suo complesso.

Salvini difende, come risaputo, le posizioni retrograde di un 10% della popolazione italiana, che non sa utilizzare convenientemente il cervello quando si tratta di fare scelte politiche.

O lo utilizza in direzione di scelte che nulla hanno a che vedere col buon senso, la ragione e la lungimiranza.

Ma è sempre, fortunatamente, una persona su dieci, ed è auspicabile che il picco massimo sia stato raggiunto. Poi torna la politica.

Next Post

Secondo Fico se Renzi cade, governerà il M5S

Secondo Roberto Fico se Renzi cade “il movimento M5S governerà”. Per Roberto Fico Beppe Grillo resterà “sempre il punto di riferimento del movimento, anche se defilato, ed è un faro insostituibile. Tuttavia il movimento è cresciuto e quindi è ovvio che abbia più spalle su cui regersi rispetto al passato”. Uno […]
Secondo Fico se Renzi cade, governerà il M5S