Porti il vibratore in vacanza? Rischi l’arresto
Porti il vibratore in vacanza Rischi arresto

Una vacanza potrebbe sembrare l’occasione ideale per “divertirsi” anche in camera da letto, ma attenzione a rischiare la galera!

Come rivela il Mirror, ci sono leggi all’estero, da controllare prima di partire, in quanto in alcuni paesi alcuni “giocattoli” intimi sono severamente vietati.

Luoghi come la Malesia, la Tailandia e le Maldive vietano i giocattoli intimi e chiunque ne porti uno nel paese può essere costretto ad affrontare le autorità.

Specialisti di giocattoli intimi, Carvaka, hanno esortato le persone ad informarsi di tutte le leggi prima di partire per una vacanza.

Sappiamo quante persone utilizzano i loro giocattoli intimi” spiegano “e quindi, quando si tratta di andare in vacanza, può essere difficile pensare a una settimana o addirittura a una quindicina di giorni senza portarli con se“.

Tuttavia, ci sono un certo numero di paesi che impongono divieti definitivi su vibratori e giocattoli intimi, è importante che le persone siano informate prima di viaggiare al fine di prevenire eventuali problemi all’ingresso in quel paese.

Ma vediamo nell’ordine alcuni Paesi che hanno leggi particolarmente severe:

Alle Maldive ad esempio, tali giocattoli sono vietati come materiale per adulti e dunque sequestrato eventualmente dalla dogana.

Anche in Arabia Saudita il discorso è identico, così come addirittura i Malesia il codice penale malese afferma che chiunque vende, distribuisce o possiede un “libro osceno, opuscolo, carta, disegno, pittura, rappresentazione o figura, o qualsiasi altro oggetto osceno, deve essere punito con la reclusione per un periodo che può estendersi a tre anni, o con multa, o con entrambi “.

In Thailandia i giocattoli intimi rientrano nella lista dei beni proibiti più specificamente sotto l’elenco di oggetti osceni banditi dall’essere portati nel paese.

Nel Vietnam dal 2011, il Dipartimento Generale delle Dogane annunciò che i giocattoli intimi non potevano essere importati nel paese. I passeggeri che li portano nel loro bagaglio saranno costretti a consegnarli ai funzionari della dogana, e saranno trattenuti fino a quando gli stessi ospiti andranno via dal paese.

Infine in India la sezione 292 del codice penale indiano afferma che qualsiasi libro, figura, disegno o oggetto “considerato osceno” se alimenta qualsiasi pensiero indecente non possa essere importato nel Paese.

foto@Pexels

Loading...
Potrebbero interessarti

Formiche scovata nel Borneo la formica Kamikaze

Generalmente molto odiate da chi in determinati periodi dell’anno si ritrova la…

Spagna, clandestino morto soffocato in un trolley

Ennesima tragedia della disperazione, perché quando la propria terra offre solo fame…