Profughi, bimba siriana gattona dinanzi ai militari schierati

Non è facile essere concilianti e accoglienti quando ogni giorno migliaia di persone arrivano sulle coste, e tra migliaia di brave persone si nascondono però anche delinquenti e trafficanti, ma non bisogna neppure dimenticare che tra migranti e profughi la maggioranza sono donne e soprattutto bambini, a cui è stato negato un futuro sereno.

E in queste ore arriva una nuova immagina a smuovere le coscienze: una baby-profuga siriana di neanche un anno che aspetta, anche lei, di passare il confine tra Turchia e Grecia mentre i militari, schierati dietro gli scudi anti-sommossa, la osservano incuriositi.

La bimba, ignara degli orrori della guerra, col suo pigiamino con pupazzetti, bavaglino, e ricci rossi spettinati, esplora il mondo gattonando, senza sapere che sarà respinta da molti dei paesi occidentali dove proverà ad entrare assieme alla sua famiglia.

La Bbc l’ha scelta per aprire il sito e i social network l’hanno rilanciata in tutto il mondo.

La bimba ha ricordato a molti Aylan, il piccolo di tre anni che solo pochi giorni fa non ce l’ha fatta a sfuggire al suo destino: speriamo che questa bimba riesca a sfuggire all’orrore della guerra, del rifiuto e del razzismo, e viva anche per Aylan e per quanti non ce l’hanno fatta.

Next Post

La caffeina, rimedio naturale per tenersi svegli

Di certo non è una novità, e una buona tazzina di caffè al mattino aiuta ad affrontare meglio il mattino, ma ecco arrivare un nuovo studio a confermare le proprietà benefiche della caffeina. I ricercatori del Medical Research Council’s Laboratory of Molecular Biology di Cambridge hanno coltivato cellule esponendole alla […]