Quattro sorelle finite nel fiume Secchia, due di 9 e 18 anni morte

Un’altra tragedia in questa estate torrida, dove cercare un po’ di refrigerio in un fiume può rilevarsi una imprudenza fatale.

Una vera e propria tragedia si è consumata nelle scorse ore vicino Sassuolo: quattro sorelle, fra gli 8 e i 22 anni, sono finite nelle acque del fiume Secchia, nella zona di Borgo Venezia, e per due di loro non c’è stato nulla da fare per salvarle.

Le quattro sorelle, che abitano nel quartiere Ancora e sono di origine marocchina, erano andate al fiume per rinfrescarsi in una giornata particolarmente calda. Presente anche il padre delle ragazze.

Morte una bimba di 9 anni e la sorella di 18; salvata ma portata via in eliambulanza la maggiore, 21 anni. A dare l’allarme sarebbe stata la quarta sorella, 11 anni: è salva.

La dinamica dei fatti non è ancora stata chiarita, ma a quanto risulta, in quel tratto del fiume è vigente un divieto di balneazione. Non è chiaro se si fossero tutte immerse, o se una di loro l’abbia fatto e si sia trovata in difficoltà e abbia chiesto aiuto alle altre.

Quando era scattato l’allarme si pensava che le vittime fossero due bambini: prima era partita la ricerca poi è venuto alla luce che le protagoniste della disgraziata vicenda erano quattro sorelle.

Next Post

Oim, nel Mediterraneo da inizio anno sono già morti 2mila migranti

I politici d’Italia e d’Europa affrontano la questione immigrazione come se quei disgraziati, che in migliaia attraversano il Mar Mediterraneo ogni anno, con la fievole speranza di una vita migliore, fossero poc’altro che numeri, codici identificati da sistemare, in “quantità” prestabilite,  arrecando il minor disturbo possibile ai paesi che li […]