Quirinale, medaglia d’oro all’ucraino morto per sventare una rapina

Dopo tanti episodi di violenza in cui gli stranieri vengono additati come unici responsabili, e che sfociano fin troppo spesso in razzismo immotivato, stavolta non si può che riconoscere l’atto eroico compiuto da uno straniero, un ucraino, che ha rischiato e perso la vita per sventare una rapina.

Parliamo di  Anatoly Korol, muratore ucraino, 38enne, che è morto da eroe tentando di sventare una rapina, il 29 agosto, in un supermercato a Castello di Cisterna, in provincia di Napoli: per premiare il suo coraggio, il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha proposto al Quirinale di assegnargli un’onorificenza.

L’uomo, in compagnia della figlia più piccola di due anni, si era recato a fare la spesa quando due malviventi, giunti a bordo di una moto, sono entrati nel supermarket. Uno dei due si è avvicinato a una cassiera, minacciandola per farsi consegnare l’incasso. Korov, per proteggere la donna, ha afferrato il rapinatore per bloccarlo. ma a quel punto l’altro malvivente ha sparato contro di lui alcuni colpi di pistola, uccidendolo davanti alla figlia.

E così il capo dello stato, Sergio Mattarella, proprio in queste ore ha conferito la Medaglia d’Oro al Valor Civile alla memoria di Anatoly Korol.

Loading...
Potrebbero interessarti

Terzigno, donna uccisa in strada da diversi colpi di pistola

E’ ancora presto per escludere alcun movente o conoscere l’esatta dinamica del…

Berlusconi inciampa sul palco con ironia

Il leader di Forza Italia cade sul palco in occasione del comizio…