Radiohead, la sparizione dal web era una trovata

I più scaltri lo avevano capito subito: in un periodo in cui il marketing deve essere assolutamente non convenzionale per cercare di colpire nel segno, l’improvvisa sparizione dei Radiohead dal web, con l’oscuramento di tutti i siti e i social network a loro riconducibili, doveva essere per forza una trovata pubblicitaria per lanciare un nuovo progetto.

Ed infatti i musicisti hanno appena svelato l’arcano: i Radiohead hanno pubblicato martedì 3 maggio il loro nuovo singolo “Burn the witch” e la band di Thom Yorke ha scelto di pubblicare la canzone insieme al suo videoclip, su YouTube.

Le animazioni di Burn The Witch erano state anticipate da due teaser durante la mattina del 3 maggio alle 7, ora italiana, e alle 13.

Burn the Witch in realtà è datata 2003, quando la frase era apparsa nell’artwork di Hail to the Thief. La canzone era stata appena accennata in diverse date della band, ma non è mai stata suonata completamente, anche se Thom Yorke aveva postato quello che poteva essere il testo della canzone sul sito della band Dead Air Space nel 2007.

Tutto lascia pensare quindi che il nono album della band di Oxford sia in arrivo, accompagnato da una campagna di marketing che si distingue per intelligenza e originalità.

La band in queste ore ha poi cambiato l’immagine di copertina di Twitter e Facebook, e soprattutto, con una mossa inaspettata, Yorke e compagni sono tornati anche su Spotify.

Loading...
Potrebbero interessarti

Elisa Isoardi racconta il “suo” Matteo

Matteo Salvini è uno degli uomini più controversi e criticati del panorama…

Costantino Vitagliano a mente fredda le sue considerazioni

Già all’indomani dalla sua esclusione dalla casa del Grande Fratello, Costantino Vitagliano…