Ragazzine si fingono maschi per fare il barbiere e diventano famose

Redazione

Nel 2014, nel villaggio di Banwari Tola, nell’Uttar Pradesh, due adolescenti hanno preso il posto del padre, barbiere di professione, quando si è ammalato.

Per entrare in una professione tradizionalmente dominata dagli uomini, si sono camuffati da ragazzi, anche assumendo nomi maschili, come riferisce il Guardian.

Gradualmente nel corso degli anni, mentre sostenevano la loro famiglia con i soldi che guadagnavano, continuavano a studiare e pagavano le cure ospedaliere del padre, ma pian piano Neha e Jyoti cominciarono a rivelare la loro identità ai clienti.

Oggi, la loro storia è un’ispirazione per distruggere gli stereotipi su questo tipo di lavoro, tanto da diventare addirittura una pubblicità del famoso marchio Gillette.

L’annuncio ora virale mostra il villaggio di Banwari Tola attraverso gli occhi di un bambino che osserva le donne impegnate con le faccende domestiche mentre gli uomini vanno a lavorare.

Tutte le sue nozioni di ruoli tradizionali di genere sono le solite, tuttavia il ragazzino entra in un negozio di barbiere con suo padre e vede una ragazza pronta a dargli una rasatura.

E quando chiede a suo padre come una ragazza possa raderlo, suo padre spiega che un rasoio non può distinguere tra un ragazzo e una ragazza.

L’annuncio è stato visto più di 3,2 milioni di volte su YouTube da solo, ed è stato anche condiviso da celebrità sui social media che l’hanno lodato in modo corretto.

Next Post

Assunzioni: gli incentivi che le imprese non possono ignorare

La disoccupazione in Italia è ancora una realtà purtroppo molto presente; si mostra però a macchia di leopardo, nel senso che alcune zone del Paese e alcune fasce di età sono più colpite rispetto ad altre. In questo ambito gli incentivi alle imprese dovrebbero funzionare come strumenti che favoriscono l’occupazione […]
Assunzioni gli incentivi che le imprese non possono ignorare