Raoul Casadei spegne le sue prime 80 candeline

Un compleanno importante, un traguardo festeggiato circondato dall’amore dei suoi cari ma soprattutto dall’affetto dei suoi fans, che è riuscito a guadagnarsi durante la sua lunghissima carriera: Raoul Casadei spegne le sue prime 80 candeline.

La musica, per Casadei, è stato un destino segnato. Già da adolescente lo zio Secondo, inventore del liscio e autore di Romagna Mia, considerata una sorta di inno nazionale con gli oltre 4 milioni di copie vendute, gli aveva messo una chitarra in mano e lo faceva partecipare agli spettacoli dell’Orchestra Casadei.

Il pubblico si è lasciato conquistare dalle canzoni, che hanno preso il posto della musica “solo suonata” dello zio e da questo artista che sul palco ha sempre amato parlare, intrattenere il pubblico, interagire, raccontando i valori romagnoli della famiglia, dell’amore e dell’amicizia.

Una carriera tutta in salita per Raoul Casadei che, con la sua Orchestra partecipò, tra gli altri, al Festival di Sanremo (1974), al Disco per l’Estate (1975), al Festivalbar (1974) e al Giro D’Italia (1976) con una nave su ruote, precedendo le tappe a suon di valzer e mazurke, con la gente che dai balconi delle strade italiane richiedeva canzoni e cantava con lui. Nel 1996 tornò sul palco del Festival di Sanremo fuori gara con Elio e le Storie Tese e ‘La Terra dei Cachi’, scalando le classifiche con la sua versione a prova di ballo del brano sanremese degli Elii.

“E io che avevo puntato prima sui 60, poi sui 70, ora mi ritrovo a 80 – scherza il re del liscio, colui che ha trasformato il folklore romagnolo in un genere-. Qualche settimana fa sono stato male, un problema cardiaco, che mi ha fatto riflettere su come io non abbia paura della morte. Sarei dovuto stare fermo due mesi, il giorno dopo ero già sul palco”.

Dopo una carriera di successi, un unico cruccio: “Mi hanno chiamato a festeggiare ovunque, solo a Cesenatico e Gatteo Mare, dove vivo, non hanno organizzato niente. La nostra musica è sempre stata considerata figlia di un dio minore. E alla fine sono più amato in Lombardia o in Piemonte che in Romagna”.

Next Post

Belen Rodriguez, anche lei si sente grassottella allo specchio

L’abbiamo lasciata qualche ora prima tutta presa dal suo compagno e dai festeggiamenti per il suo compleanno, la ritroviamo sommersa dalle polemiche per uno scatto che in una manciata di ore ha già fatto il giro del web e racimolato migliaia di commenti, nel bene e nel male. Abbiamo potuto […]