Realtà Virtuale, boom della vendita dei visori nel 2016
Realtà Virtuale, boom della vendita dei visori nel 2016

Il 2016 sembra essere l’anno della realtà virtuale: per la vendita dei visori si prevede un fatturato di 2,3 miliardi di dollari.

I visori già sul mercato come i Gear Vr di Samsung e, presumibilmente anche quelli che stanno per arrivare come gli Hololens di Microsoft, vanno alla grande.

L’anno non è ancora finito e già si parla di un fatturato di 2,3 miliardi di dollari.

E secondo IDC (International Data Corporation), la società che ha pubblicato uno studio sulla vendita dei visori, la cifra è destinata a crescere nei prossimi anni.

Nel 2016, scrive IDC, saranno spediti nel mondo 9,6 milioni di dispositivi.

Questa cifra crescerà di oltre il 180% l’anno. Si stima, infatti, che nel 2020 saranno consegnati 64,8 milioni di dispositivi. Questo in soldoni si traduce in un fatturato di 13 miliardi e mezzo di dollari entro il 2020.

Si legge nello studio IDC: “I videogame quest’anno saranno il traino principale per l’acquisto di dispositivi come Oculus Rift, HTC Vive o PlayStation Vr”.

Insieme al consenso della VR (Virtual Reality), sale anche quello della realtà aumentata (AR) la quale nel 2016 ha venduto solo 400 mila dispositivi ma che secondo gli analisti entro quattro anni arriverà a ben 45,6 milioni di unità.

Insomma, la realtà virtuale sembra essere il business dell’immediato futuro. Non a caso molte compagnie ci stanno investendo.

La cinese Huawei, per esempio, insieme al P9 ha presentato il visore Huawei VR. Presto arriveranno sul mercato anche i visori di Sony, i PlayStation Vr, e gli Hololens di Microsoft.

Mark Zuckerberg ha da poco lanciato i suoi Oculus Rift che hanno debuttato quasi in contemporanea con i Vive di HTC e dopo i Gear Vr di Samsung.

Come si vede, persino il papà di Facebook è convinto che la realtà virtuale, insieme con l’intelligenza artificiale e all’accesso universale a Internet, è uno dei tre pilastri dei prossimi dieci anni.

Loading...
Potrebbero interessarti

YouTube lancia due servizi a pagamento

Le voci su YouTube a pagamento si fanno sempre più insistenti. Secondo…

Smartphone e Tablet a letto fanno male al cervello

Quanti di noi ormai non possono far a meno del loro smartphone…