Renzi a Porta a Porta: Inps ci vuole flessibilità

Redazione

Ci vuole più flessibilità da parte dell’Inps, questo il nodo principale del discorso di Matteo Renzi, intervenuto a Porta a Porta ha fatto chiarezza su diversi punti.

Nessuna promessa perché altrimenti i cittadini potrebbero pensare che siano promesse elettorali, e così Renzi conferma: “Gli italiani sono intelligenti. Bisogna dire che su tu vai in pensione a questo livello prendi “x”. Se vai in pensione a questo altro livello, prendi questo. Scegli tu».

Il premier ha poi proseguito sulla sentenza della Consulta: “La sentenza della Consulta avrebbe imposto al governo di ripagare 18 miliardi di euro ma i cittadini sanno che non ha senso spendere 18 miliardi per dare i rimborsi anche a chi sta abbastanza bene o bene”.

Renzi conferma anche di aver risolto il problema delle pensioni non rivalutate dal governo Monti del 2011, confermando come l’Italia abbia recuperato di credibilità in Europa, e il premier non ha paura di essere sotto i riflettori, rivela:

Chi ha qualcosa da dire se la prenda con me non con la mia famiglia: mio padre ha ricevuto un avviso di garanzia e per fortuna ne è uscito pulito, mia moglie è sotto i riflettori delle tv da un mese per la riforma della scuola”.

Tornando poi sulle pensioni: “L’impegno del governo è chiaro ed è: liberiamo dalla Fornero quella parte di popolazione che accettando una piccola riduzione può andare in pensione con un po’ più di flessibilità. L’Inps deva dare a tutti la libertà di scelta”.

Next Post

Trono di Spade troppo sesso ma la produzione si difende

Le polemiche si sono scatenate subito dopo l’ultimo episodio, il sesto, della quinta serie de: Il trono di Spade. La serie tv prodotta dalla HBO è al centro di alcune polemiche sollevate anche dagli stessi telespettatori, attraverso i social network, l’episodio: Unbowed, Unbent, Unbroken non è andato giù a molti […]
Trono di Spade troppo sesso ma la produzione si difende