Renzi, il tetto del denaro contante aumentato a 3000 euro

Anche oggi il premier Matteo Renzi è tornato a parlare, ma stavolta va contro corrente: mentre la maggior parte degli stati del mondo sta spingendo, con tutti i mezzi a loro disposizione, per l’eliminazione progressiva del contante, per favorire la maggiore tracciabilità delle carte di credito, Renzi annuncia un ritocco del tetto massimo dei contanti.

“Una delle cose che proporremo al Parlamento con la legge di stabilità è riportare i livelli del contante alla media europea, al livello francese, portandolo da 1.000 a 3.000 euro”, annuncia Matteo Renzi a Rtl 102.5. “E’ un modo per aiutare i consumi” e dire “basta al terrore”, sapendo che quei soldi “sono comunque tracciati”.

«In passato con il governo Monti si è fatta una grande battaglia contro l’evasione e sono assolutamente d’accordo. Ma non sono d’accordo sul metodo, non si fa mettendo fuori dai grandi negozi le gazzelle della finanza. Attraverso gli strumenti informatici recuperi molta più evasione di quanta ne recuperi giocando a cane e gatto sulle strade», ha spiegato il presidente del Consiglio. «Portare il limite del contante è un piccolo gesto per incentivare i consumi».

Favorevole Ncd, il commento negativo è arrivato da Arturo Scotto, capogruppo di Sel a Montecitorio: “L’innalzamento dell’uso del contante da mille a tremila euro rischia di essere un aiuto agli evasori. Renzi dice che vuole riportare i livelli del contante alla media europea, al livello francese, peccato che in Europa l’economia legale è più forte di quella illegale. Per dirla in due parole la regola non sono i soldi in nero”.  Esultano Confcommercio (per voce del presidente Carlo Sangalli), Federalberghi eConfesercenti che chiede come prossimo passo il “superamento dello scontrino”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Migranti, 120mila ricollocati ma il problema non è certo risolto

Non si riesce proprio a dar torto al presidente della Commissione Europea…

Si costituisce il rampollo Paolo Ligresti dopo due anni di latitanza

Una latitanza di lusso la sua, trascorsa in Svizzera e durata oltre…