Renzi parla del dramma immigrazione a Riga

Il dramma dell’immigrazione è uno dei problemi più caldi e imminenti da affrontare per il nostro paese: con l’arrivo della bella stagione, gli sbarchi giornalieri diverranno ancora più numerosi, molti non riusciranno ad arrivare neppure sulla terra fredda mentre altre migliaia ogni giorno andranno ad affollare i centri profughi perennemente allo stremo.

Sulla questione torna ad esprimersi il premier Matteo Renzi, a margine del vertice Ue a Riga, in Lettonia, ribadendo una ennesima volta la volontà di restituire alle famiglie le salme dell’ultimo drammatico naufragio nel canale di Sicilia. “E’ impossibile, anche per i miei colleghi leader europei, pensare di tenere la nave affondata nel Mediterraneo nascosta agli occhi: la coscienza dell’Europa non è a 360 metri di profondità. Di fronte a questa tragedia immensa, l’Europa deve guardare negli occhi il dramma immigrazione”, ha dichiarato.

“Il tema immigrazione – ha spiegato interpellato dai giornalisti – non è oggetto di discussione di questo vertice: ne stanno parlando a tutti i livelli in vista del consiglio europeo di giugno. C’è tutto lo spazio per trovare un’intesa, non sono preoccupato su questo”.

Ma ben altri sono le questioni affrontate, in primis la delicatissima questione della Grecia, che rischia da un giorno all’altro il default, se non si trova un accordo immediato per sbloccare l’ultima trance di aiuti: “Se la Grecia esce dall’euro sono possibili shock anche per noi”.

Next Post

Milano uomo ucciso sulla tangenziale

L’episodio è accaduto all’altezza di Mecenate sulla tangenziale di Milano, un uomo è stato investito da un auto. L’uomo, un 30enne, è morto subito dopo essere stato investito, l’automobilista che lo ha investito si è fermato per portare i primi soccorsi, il 39enne investitore è stato poi ricoverato all’ospedale San […]
Milano uomo ucciso sulla tangenziale