Riccardo Muti presenta “Prove d’Orchestra” e afferma “Tornare al teatro la Scala a far che?”

Ha avuto luogo proprio ieri, negli studi della Rai di Milano, la conferenza stampa di presentazione di “Prove d’Orchestra”, una serie di otto lezioni-concerto insieme all’orchestra giovanile Cherubini fondata dallo stesso ed il cui primo appuntamento è previsto per il prossimo mercoledì, 21 ottobre 2015.

Riccardo Muti ha diretto il celebre teatro italiano “La Scala” per diciannove lunghi anni ovvero dal 1986 al 2005 e proprio nel corso della conferenza stampa di presentazione di “Prove d’orchestra” è stato chiesto all’artista se pensa di tornare proprio in tale teatro, domanda questa al quale Muti ha risposto affermando “Tornare a fare che? Per un concertino, per dire che esisto e poi via? Ma perché? Hanno più senso i 19 anni che sono stato alla Scala, dove ho eseguito quasi 50 opere, 19 anni bellissimi. Amo la Scala, amo Milano e il pubblico, lì ho fatto esperienze straordinarie, basterebbe citare la collaborazione con Giorgio Strehler. Questo conta, come è contato il lavoro di direttori come Claudio Abbado, come Arturo Toscanini che tre volte si dimise dalla Scala”.

Muti ha poi continuato affermando “Se poi un giorno Dio vorrà , se succederà. Che io torni o non torni alla Scala è un fatto secondario, importante è che la Scala mantenga alto il prestigio del suo passato. E questo non riguarda solo la Scala, ma tutti i teatri italiani, soprattutto quelli storici, dove tutti devono sentire la responsabilità di un passato così glorioso cercando di mantenersi sempre a quel livello”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Simpson, Bart verrà ucciso da Telespalla Bob nella puntata di Halloween

Al Jean, produttore esecutivo della celebre sitcom animata creata dal celebre fumettista…

Il Segreto, anticipazioni sabato 8 aprile

Dopo aver visto Severo sempre più vicino a Donna Francisca, tanto da…