Roberto Saviano, un libro su perché i bambini sparano

La sua lingua lunga e pungente gli è costata una condanna a morte che gli pende sulla testa e una scorta che lo segue 24 ore su 24 per evitare che questo accada, ma Roberto Saviano non si è certo arreso, ha continuato a raccontare la sua verità, che poi è la verità di un paese che non riesce a crescere a dovere per colpa della delinquenza che dilaga e taglia le ali a chi veramente vorrebbe cambiare qualcosa.

Dopo che i suoi precedenti lavori sono stati dei best seller conosciuti a livello internazionale, Saviano torna in libreria con il suo nuovo romanzo ‘La paranza dei bambini’, pubblicato da Feltrinelli.

A dieci anni esatti da Gomorra, esce questo nuovo lavoro in cui i “bambini” del titolo sono piuttosto degli adolescenti (il loro capo ha sedici anni; ma il più piccolo ne ha dieci, e a lui, proprio per la sua apparente innocuità, viene affidato il compito dell’assassinio, che farà schizzare in alto la loro “paranza”), impegnati nel difficile e sanguinoso gioco della loro affermazione all’interno di un ambiente terribilmente ostile e pericoloso.

Lo scrittore si è «ispirato a fatti reali, alla storia della paranza dei bambini di Forcella, un quartiere di Napoli. Le paranze sono questo gruppo di ragazzini che decidono quasi autonomamente di armarsi. Il racconto è pieno di dettagli di queste storie che ho preso da inchieste giudiziarie, dal dibattito di cronaca e che ho condensato nei miei personaggi utilizzando quel metodo meraviglioso che fu di Franco Rosi ne ‘Le mani sulla città’» ha spiegato a Radio Anch’io.

Saviano sceglie la strada della narrazione pura, per avere le mani dello scrittore libere e riuscire così a incidere meglio “nella carne del reale” come ha spesso dichiarato, anche recentemente, attraverso il racconto di adolescenti che non hanno domani e nemmeno ci credono, che non temono il carcere né la morte, perché sanno che l’unica possibilità è giocarsi tutto, subito. Sanno che “i soldi li ha chi se li prende”.

Crudo e senza scampo il nuovo romanzo di Saviano, tra social, “roba”, canne e frequentazione di locali che ricordano un po’ gli anni Ottanta ci mette di fronte alla controversa ascesa di una paranza, un gruppo di fuoco legato alla Camorra, e del suo capo, il giovane Nicolas Fiorillo detto Maraja.

Next Post

Il tasto Like entra negli alberghi, l’idea di Marriott

Marriott introduce il tasto Like nella propria catena di alberghi. Ormai i like si sprecano dappertutto, in particolare su internet e su determinati social come Facebook. Normalmente un like è anche un simbolo di vicinanza, di amicizia, oltre a un vero e proprio gradimento per quel che si dice o […]
Il tasto Like entra negli alberghi, l’idea di Marriott