Roma, fermata baby gang che rapinava e filmava i misfatti

I giovani da sempre usano riunirsi per passare i sabato pomeriggio assieme, per parlare di ragazze e di calcio, ma la baby gang sgominata dalla Polizia a Roma aveva ben altri interessi, e non si preoccupava neppure di nasconderli.

La baby gang composta da 3 minori fra i 16 e i 17 anni e tre maggiorenni fra i 18 e i 20 anni sgominata dai carabinieri di Roma si dava appuntamento tramite chat, attraverso WhatsApp, poi entrava in azione: i fermati rapinavano i coetanei, filmando anche le violenze che infliggevano.

Dopo aver ripreso le loro azioni con gli smarthpone, il gruppo le condivideva su una chat di Whatsapp che avevano chiamato “Bad Boys”.  Monitorando i profili personali dei sospettati sui social network, i carabinieri hanno scoperto un video che mostrava parte della banda ripresa durante un’aggressione con rapina ai danni di un venditore ambulante. Da lì le indagini dei carabinieri hanno portato ad identificare in breve tempo i ragazzi, facenti parte di un gruppo più ampio.

Al momento sono 3 i colpi addebitati alla banda di rapinatori, ma non si esclude che ve ne siano altri.

Next Post

Matteo Renzi, l’Italia farà la sua parte per ricostruire un’Europa migliore

In Grecia hanno vinto i no, con oltre il 60% delle preferenze: il popolo greco ha avuto il coraggio di ribellarsi all’Europa, o meglio alle sue imposizioni, gridando a piena voce che non se ne può più di restrizioni e che se si deve restare in Europa, si deve restare […]