Roma, guerriglia nel Pigneto tra carabinieri e spacciatori

Non si sa se le scene a cui si è assistito assomigliano di più a quelle del lontano Far West o più realisticamente a quello che accade nei paesi, dimenticati dal mondo, di Stati come Colombia e Messico, dopo gli spacciatori la fanno da padroni e le leggi sono quelle della strada e della violenza bruta.

Nel quartiere del Pigneto, a Roma, si è scatenata una vera e propria guerriglia: una quarantina di extracomunitari, originari del Gambia, tra cui alcuni spacciatori, hanno accerchiato e aggredito i carabinieri che avevano bloccato due pusher poco prima in via del Pigneto, nuova isola pedonale a Roma.

Forti della superiorità numerica, hanno accerchiato i militari con minacce e spintoni per liberare e far fuggire i due arrestati: alla fine per fortuna la polizia è riuscita ad avere la meglio e i disordini si sono conclusi con l’arresto di sette extracomunitari accusati di concorso in oltraggio, minaccia, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, spaccio di stupefacenti.

Sono dovuti intervenire prima i cittadini, e poi altre pattuglie, per riuscire a sottrarre i militari dalla furia degli extracomunitari, che addirittura brandivano bottiglie di vetro come armi.

Next Post

Nuova sparatoria a Napoli, un morto ed un ferito grave

Ancora Napoli, ancora una storia di violenza e cronaca nera: tra tante bellezze da raccontare, tra scorci di Napoli che fanno invidia al mondo intero, si consumano ancora ogni giorno storie terribili di violenza che lasciano per le strade scie di sangue senza sosta. Stavolta il bilancio di una sparatoria […]