Roma, il neo commissario Tronca alle Fosse Ardeatine

Eleonora Gitto

Il neo commissario romano Francesco Paolo Tronca si reca alle Fosse Ardeatine per visitare i luoghi della memoria.

E’ stato ben consigliato, il nuovo commissario Romano che ha sostituito il Sindaco Marino.

Qualcuno gli avrà detto che, oltre a vedere e riverire il Papa, era opportuno che rendesse omaggio anche alla democrazia.

E, infatti, Tronca, nel suo secondo giorno di reggenza, saggiamente ha ascoltato il Consiglio, avendo cura di scrivere che “rende omaggio a chi ci donò col proprio sacrificio la libertà e la democrazia”.

Se non fosse che ieri il nuovo dominus dell’urbe aveva troppo riverito il Papa, con tanto di servile e francamente appiccicoso baciamani, potremmo anche considerare l’inizio della reggenza stessa di buon livello.

Quindi: una mossa giusta e una sbagliata. Attendiamo la vera e propria amministrazione, anche se straordinaria.

Ma cosa può fare un Prefetto in pochi mesi? Probabilmente nulla di più di quello che poteva fare la Giunta Marino, con l’esclusione del vero punto in questione: il Giubileo straordinario.

Lì può fare molto, e lo sa anche il Vaticano, il quale ultimo non vedeva di buon occhio Ignazio Marino, come noto e acclarato.

E intanto il prefetto Tronca si accinge a varare la squadra dei sub commissari. Auguri.

Next Post

Senso del gusto dipende anche da udito e tatto

Se è vero che un piatto, prima di essere buono, deve essere anche bello, perché si sa che una buona presentazione ne influenza senza dubbio la riuscita, a quanto sembra il senso del gusto, oltre che dalla vista, può essere ingannato anche dal tatto e persino dall’udito. I sensi per […]