Roma, picchia la compagna e poi fugge col neonato

Eleonora Gitto

Roma, fugge col figlio neonato dopo aver litigato con la compagna.

Un po’ più di una scappatella e un po’ meno di un reato. Litigare con la compagna, darle un pugno e scappare con un piccolo di due mesi e relativo passeggino, non è una cosa all’ordine del giorno. Ma anche il padre in fondo è giovane: 21 anni.

Sia ben chiaro, però, che non ci troviamo di fronte a una semplice bravata: la giovane età non può giustificare mai la violenza e nemmeno la sconsideratezza di una fuga con un neonato.

Venerdì sera Gianluca Caucci era sparito col leggero e pesante fardello e subito si è mobilitato un apparato di ricerca impressionante.

La madre aveva appena fatto la denuncia: i due ragazzi avevano litigato violentemente e lui l’ha colpita con un pugno al volto; quindi è scappato col bambino.

Lì per lì la ragazza è rimasta disorientata, ma poi ha reagito, ed è scattata la ricerca.

E’ stato messo in opera il piano di ricerca che prevede il coinvolgimento delle forze di Polizia, insieme alla Protezione civile, le unità cinofile e addirittura un elicottero.

Alla fine il giovane e il figlio sono stati rintracciati in un centro commerciale in zona Bufalotta, dove era arrivato proveniente da Monterotondo.

Il bimbo sta bene, anche se per precauzione è stato ricoverato in ospedale per accertamenti.

Gianluca Caucci, protagonista della fuga dalla compagna lituana, è stato sentito dai Carabinieri.

Next Post

Intelligenza artificiale, se ne parla all'Università dell'Insubria di Varese

All’Università dell’Insubria a Varese si parla di intelligenza artificiale. Si è tenuto un importante seminario all’Università dell’Insubria dal titolo: Intelligenza della Macchine e Neural Computing. Il seminario è stato introdotto dalla professoressa Elisabetta Binaghi, grande esperta di queste materie, la quale ha tenuto a sottolineare che “l’intelligenza artificiale non è […]
Intelligenza artificiale, se ne parla all'Università dell'Insubria di Varese