Roma, sgomberate baraccopoli sulle rive del Tevere

Redazione

Roma. Ben due insediamenti abusivi sulle rive del Tevere, con tanto di baracca adibita a bar, un piccolo campo abusivo abitato da una trentina di rumeni, a due passi dalla Piramide.

Questo lo scenario che si è posto davanti agli occhi dei vigili urbani, in collaborazione con gli uomini dell’Ama e della sala operativa sociale, nel corso dello sgombero di due baraccopoli posizionate da settimane a Riva Ostiense, dove hanno scovato il primo insediamento sulla riva più vicina alla sede dei pompieri, composto da 8 baracche e una tenda, al momento dell’intervento disabitato e il secondo a qualche centinaio di metri dal primo, composto da 8 capanni e una latrina che scaricava i liquami nel fiume.

Anche una baracca adibita a bar, con tanto di insegna e completa di frigorifero e motore elettrogeno. In questo secondo insediamento sono state trovate 4 persone, di nazionalità rumena, 3 uomini e una donna in stato di gravidanza, che ha rifiutato l’assistenza offerta dai servizi sociali.

Grandi quantità di rifiuti sparsi hanno impegnato le ruspe dell’Ama per un giorno intero.

Next Post

Ipotesi di confisca penale obbligatoria per caporalato

Il relatore Davide Mattiello (Pd) ha annunciato che il governo ha presentato due emendamenti alla riforma del codice antimafia, che prevedono la confisca penale “obbligatoria e allargata per il reato di caporalato” e la responsabilità oggettiva dell’ente che si avvalga dell’intermediazione dei caporali. “Gli emendamenti presentati dal governo sono in […]