Roma, Tronca indica sei subcommissari al Comune
Roma, Tronca indica sei subcommissari al Comune

Il neo Prefetto Francesco Paolo Tronca indica sei subcommissari al Comune di Roma.

Detto fatto. Il Prefetto dal baciamano facile – al Papa -, ha mantenuto la propria promessa di fare una squadra in tempi rapidi.

I commissari, che non conosce nessuno, sono: Iolanda Rolli, Ugo Traucer, Livio Panini, Clara Vaccaro, Giuseppe Castaldo e Pasqualino Castaldi.

Perfetti sconosciuti, o quasi. D’altro canto non si chiede a questi signori di elaborare grandi strategie, ma di firmare quello che c’è da firmare e attendere serenamente le prossime elezioni dove, si spera, la politica tornerà a fare il proprio sacrosanto corso.

D’altronde, se le cose non hanno funzionato a dovere, la colpa è sempre della politica, che abdica a se stessa consentendo l’elezione di amministratori non eletti, cioè i prefetti.

E così la politica perde sempre più peso, tende a farsi sempre più da parte, surrogata da altri organismi o istituzioni.

Subentrano sempre più spesso magistrati, prefetti, addirittura giornali che dettano le linee politiche e orientano le inchieste. E qualche volta le fanno prima della magistratura.

Insomma, un gran bordello che si fatica a chiamare ancora democrazia. Almeno qui da noi, è così. Forse era meglio la prima Repubblica.

“La corruzione è una nemica della Repubblica. E i corrotti devono essere colpiti senza nessuna attenuante, senza nessuna pietà. E dare la solidarietà, per ragioni di amicizia o di partito, significa diventare complici di questi corrotti”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Brindisi, parroco arrestato per violenza sessuale su minore

Storie che purtroppo sempre più spesso si sentono, che riescono ad uscire…

Pordenone, da solo bimbo mette in fuga un ladro

Alcuni per difendersi dai ladri si affidano a sofisticati sistemi d’allarme, altri…