Roma, zio violentava da due anni la nipotina 13 enne

In questo momento storico, con tutte le bruttezze a cui si assiste quotidianamente, è estremamente difficile fidarsi di chiunque, soprattutto quando si hanno bambini e ragazzi di cui prendersi cura.

Allora per tanti è giusto e sacrosanto trovare appoggio e sostegno solo nella propria famiglia, ma storie come queste fanno vacillare ogni certezza.

La brutta storia odierna viene da Roma: una ragazzina di tredici anni è stata abusata addirittura per due anni dal suo stesso zio.

L’uomo avrebbe abusato della nipote minorenne da quando era una bambina, prima palpeggiandola e toccandola nelle parti intime, fino ad arrivare a consumare rapporti sessuali completi.

A quanto pare, dopo aver subito in silenzio per mesi, la ragazzina si è confidata con un’insegnante, che poi ha immediatamente allertato la polizia, che ha proceduto all’arresto dell’orco, un 50 enne italiano.

Tutto è cominciato quando la madre della ragazzina, separata dal marito, ha trovato un’occupazione lontano da casa e per motivi logistici ha chiesto allo zio di occuparsi della figlioletta – all’epoca di 11 anni – quando fosse stata via per lavoro.

Le violenze si consumavano perlopiù tra le mura domestiche, ma non sarebbero mancati approcci preliminari durante il tragitto verso casa.

Le violenze avvenivano con cadenza quasi quotidiana, spesso di sera, e molte volte, secondo quanto raccontato dalla giovane vittima, l’uomo filmava e fotografava la 13enne o la costringeva a sua volta a fotografarsi o a filmarsi con il proprio telefonino.

Loading...
Potrebbero interessarti

Carne avariata sequestrata: nei guai macellai e titolari di un deposito

E’ stata sequestrata un quantitativo enorme di carne avariata: parliamo di ben…

Campania, abbonamenti gratuiti per gli studenti dal 20 luglio

Gli studenti in Campania potranno godere di abbonamenti ai trasporti pubblici gratuiti…