Rosy Bindi vs De Magistris, una querelle francamente inutile

Dopo gli omicidi, che hanno visto come vittime anche alcuni minorenni, avvenuti nelle ultime settimane nella città di Napoli, è innegabile che si sta assistendo ad una nuova escalation di violenza, e che qualcosa va fatto subito.

Qualcosa di concreto, per aiutare soprattutto chi è costretto per necessità a vivere in certi ambienti, e a usare la violenza come unico mezzo per sopravvivere, eppure siamo ancora qui a raccontarvi di querelle verbali tra coloro che potrebbero far qualcosa, e sembrano invece assistere impassibili.

La camorra è «il dato costitutivo della città» aveva detto la presidente dell’Antimafia Rosy Bindi  nel corso della sua prima giornata partenopea, spiegando che in azione ci sono «frange, terze e quarte file» che «non hanno nulla a che vedere con gli storici clan» ma che «sono pericolosissime».

Affermazioni che il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha reputato denigratorie per la stessa città: «Sono saltato sulla sedia quando ho sentito quella frase che non condivido per nulla – ha commentato -. La cultura, la storia, il teatro, l’umanità sono l’elemento costitutivo di Napoli della Regione e del Mezzogiorno. Altra cosa è dire che la camorra è diventata forte perché per troppo anni è andata a braccetto con politica e che ancora esiste». Per il primo cittadino di Napoli ci sono tanti elementi di novità: «Oggi la camorra non va più a braccetto con l’amministrazione comunale di questa città».

La Bindi quindi ha sentito l’urgenza di replicare: «Mai parlato della camorra nel dna dei napoletani. Ho parlato della camorra come elemento costitutivo di una società e della storia della città. Ripeto queste parole con convinzione – ha puntualizzato -. Non si può fare una storia di Napoli senza fare una storia della camorra, così come una storia dell’Italia senza le mafie – aggiunge – ignorare questo dato impedisce che camorra e mafie continuino ad essere elemento costitutivo. Sentirsi offesi per questo è il primo regalo che possiamo fare alle mafie».

Noi ci sentiamo offesi invece perché dietro a tante, troppe parole, ci son ben pochi passi.

Loading...
Potrebbero interessarti

Roma, gambizzato 18enne

Roma, quartiere di Tor Bella Monaca. Un ragazzo di 18 anni, Giancarlo…

Nuoro, sequestrato centro massaggi hard

Nuoro. In viale Sardegna, si nascondeva un giro di prostituzione, camuffato da centro…