Russia contro Apple per emoticon pro-gay

Redazione

La Russia ha avviato un procedimento amministrativo contro la Apple, accusata di aver promosso l’omosessualità per aver inserito nel software iOS 8.3 emoji raffiguranti coppie gay.

A diffondere la notizia il sito Gazeta.ru, secondo il quale spiega che l’iniziativa è nata dalla polizia di Kirov, dopo la denuncia di un avvocato, Yaroslav Mikhailov, secondo cui Apple avrebbe violato la legge contro la propaganda gay in presenza di minori.

Ora il colosso americano sta rischiando una multa che varia dai 10 ai 13 mila euro, ma in teoria le autorità potrebbero anche sospenderne l’attività in tutta la Russia.

L’avvocato Mikhailov ha raccontato di aver inizialmente fatto ricorso a Pavel Astakhov, commissario per i diritti dei minori e al Procuratore generale della Russia, ma in seguito la denuncia è stata dirottata alle forze dell’ordine locali, le quali hanno constatati ragioni sufficienti per avviare un’indagine. La polizia ha inviato una copia delle emoticons ad esperti forensi, incaricati di stabilire se le immagini vadano contro il divieto di propaganda gay.

Next Post

Il Segreto, anticipazioni venerdì 25 settembre

Altra mimi maratona per gli amanti di Il Segreto: la soap opera spagnola più amata del momento oggi, venerdì 25 settembre, andrà in onda con ben tre nuovi episodi, uno trasmesso nel pomeriggio, e due in serata, naturalmente su Canale 5. Oggi vedremo innanzitutto Maria alle prese con la sua […]