Saviano replica a Renzi sulla questione Sud

Che il Sud Italia sia sempre un passo indietro rispetto al resto della penisola è un fatto innegabile, risalente addirittura all’Unità d’Italia stessa, ma certo negli anni i vari governi che si sono succeduti hanno fatto ben poco per alleggerire e ridurre il gap, adottando misure che si sono puntualmente rivelate fallimentari.

E’ quello che ha sottolineato nei giorni scorsi l’autore del celebre libro denuncia Gomorra, Roberto Saviano: un’analisi lucida e sagace, che ha tirato in ballo anche l’attuale governo, reo anch’esso di aver fatto ben poco e la cosa non è andata certo giù a Matteo Renzi. Dopo i dati Svimez, secondo cui il sud rischia il «sottosviluppo permanente», Saviano aveva sollecitato il Governo a muoversi con una lettera aperta.

Da canto suo il Premier da Tokyo  aveva affermato: “Sul Sud basta piagnistei, rimbocchiamoci le maniche”.

“Mi addolora molto che sia definito ‘piagnisteo’ ricordare che al Sud il numero degli occupati è al livello più basso dal 1977, la natalità ai minimi storici dai tempi dell’Unità d’Italia”, ribatte Saviano su Facebook: “I meridionali fuggono al Nord e all’estero, i migranti stranieri che arrivano sulle nostre coste mirano a trasferirsi in altri Paesi. Il tutto nella totale assenza di progetti e investimenti. Questo è un urlo di dolore, non un piagnisteo che sembra invece somigliare di più alla cantilena del ‘va tutto bene'”.

Next Post

Boschini cita, Matteo Salvini risponde alla frecciata velenosa

Una nuova bufera si abbatte sul Governo, che a quanto pare invece che rivolgere la sua attenzione ai problemi reali del paese, si perde in accuse e ripicche reciproche, provocandosi su chi governerebbe peggio, non accorgendosi di star sprecando tempo prezioso che troppi italiani, al di sotto della sogli di […]