Semafori a terra per chi ha la testa nello smartphone

Eleonora Gitto

In Germania sono stati installati dei semafori a terra per i pedoni che camminano utilizzando lo smartphone.

Il perché di questa singolare innovazione lo spiega il consigliere comunale di Augusta Tobias Harms: “Ci siamo resi conto che in tanti non si accorgono del traffico mentre guardano il telefonino in strada“.

E così nella cittadina bavarese i semafori sono spuntati per terra così da renderli visibili ai tanti che vagano distratti dallo smartphone.

Un’idea geniale non c’è dubbio. L’osservazione degli amministratori di Augusta è più che sensata.

Basta guardarsi intorno, infatti, per vedere che oggi la maggior parte delle persone si aggirano per strada con lo smartphone in mano. Ormai si sta sempre connessi.

Inviare e leggere messaggi, postare foto, chattare, guardare le ultime novità, cercare un ristorante o l’orario di un treno, ogni motivo è buono per stare con la testa china sul proprio device.

L’allontanarsi completamente dal mondo reale prediligendo il virtuale, non solo isola ma espone anche a gravi pericoli, soprattutto, quando si cammina per strada.

L’amministrazione comunale di Augusta ha deciso di installare questi semafori aggiuntivi dopo il grave incidente avvenuto a Monaco in cui una quindicenne ha perso la vita.

La ragazza è stata travolta dal tram mentre camminava digitando sullo smartphone.

Ben vengano allora i semafori a terra che non sono altro che LED di colore rosso posti ai bordi dei marciapiedi che si trovano in prossimità degli attraversamenti pedonali.

Le luci rosse si attivano in concomitanza del semaforo rosso segnalando l’arrivo del tram.

Next Post

Internet Day, connessi da 30 anni. E la banda larga?

Il 30 aprile 1986 l’Italia si connetteva in Rete per la prima volta, il 30 aprile 2016 si celebra l’Internet Day e nello stesso mese ci sarà la prima gara per la banda larga. A 30 anni esatti dalla prima connessione in Internet, l’Italia si prepara ad avere la banda […]
Internet Day, connessi da 30 anni. E la banda larga