Silvio Berlusconi incontrerà Salvini, obiettivo riformare la destra

Martedì prossimo Silvio Berlusconi incontrerà a Roma il leader della Lega Matteo Salvini, che tra l’altro, a margine del congresso del movimento in corso a Milano, si è già detto «non interessato» a un nuovo Nazareno: ma quali sono le vere intenzioni del Cavaliere che ne sa sempre una più del diavolo?

In un’intervista a Il Giornale, il Cavaliere ha ammesso che occorre “realizzare un contenitore più ampio, del quale FI e la Lega siano parte, che si rivolga non solo ai partiti ma anche alle associazioni, ai gruppi, ai movimenti d’opinione”: finalmente Berlusconi sembra essersi reso conto che è necessario scendere a patti col “ragazzotto”, lo stesso che quando regnava indiscusso l’asse Berlusconi-Bossi-Tremonti lamentava l’eccessivo appiattimento del partito sul Pdl e ancora di più sulle politiche economiche del “professore”.

Poi, nella stessa intervista, risponde piccato all’ipotesi di un nuovo patto del Nazareno.

“Non capisco come possa essere nata una simile ipotesi – spiega Berlusconi – Siamo convintamente all’opposizione e nulla è cambiato da quando abbiamo dovuto rinunciare alla collaborazione con il partito democratico”. Però, dichiara, “Se il Pd presentasse in Parlamento qualche miglioramento della legge elettorale o della riforma costituzionale noi voteremmo a favore di quella norma come voteremmo qualsiasi provvedimento da chiunque proposto che giudicassimo positivo per il Paese”.

“Il nostro primo obiettivo è ridare un motivo serio per tornare a votare agli italiani. Per riuscirci mi impegnerò personalmente, ma – avverte –  tutte le forze che si riconoscono nel centrodestra devono saper rinunciare a qualche loro convenienza per imboccare un cammino comune”: lottare in vista della prossima tornata elettorale quindi.

Next Post

Roma intera contro Ignazio Marino, anche gli assessori lo abbandonano

Proprio non si capisce tutto questo accanimento contro il sindaco di Roma, Ignazio Marino, che se deve fronteggiare i non pochi problemi che la Capitale gli pone quotidianamente dinanzi, ora si trova anche i suoi stessi assessori che lo abbandonano. Abbandonare la nave prima che affondi, sarà il pensiero comune, […]