Simona Ventura, sull’Isola ha imparato a fare a meno della tecnologia

La sua esperienza come naufraga all’Isola dei Famosi, dopo diversi anni in cui invece ne è stata al timone, non si è certo svolta nel migliore dei modi, sconfitta al televoto per ben due volte contro personaggi ben meno noti di lei, eppure Simona Ventura mostra ancora una volta il suo carattere forte e deciso.

Invece di sentirsi magari umiliata o poco amata dal pubblico che negli anni aveva sempre dimostrato grande affetto, Simona ancora una volta ha scelto di prendere il meglio da questa esperienza: la fame forzata le fa sfoggiare ora una siluette a dir poco invidiabile, la lontananza le ha fatto render conto delle persone che veramente sono importanti nella sua vita, e l’ha aiutata anche nella sua dipendenza dai social.

«Tutti mi dicono: sei dimagrita, sei figa. Come se la magrezza fosse sinonimo di bellezza. Comunque sì, peso quanto pesavo prima di avere i figli, e anche nel mio annus horribilis, il 2004. Ho patito una fame nera, una fame che non immaginavo si potesse sentire» ha raccontato in una bella intervista a Vanity Fair.

Nella stessa intervista ha però anche confessato come l’isola le sia servita, a suo dire, a combattere la dipendenza dal mondo tecnologico: “Un tempo il televoto costava un euro, non esistevano i social, la gente votava per sostenere, non per fare a pezzi. Adesso – e io non lo sapevo – esistono gruppi organizzati sui social che votano contro, per eliminare. La differenza è sostanziale: puoi danneggiare il tuo bersaglio gratis e dire qualunque cosa nascondendoti dietro una tastiera e un nickname. Conosco colleghi bravissimi che se tra 200 mila commenti ne leggono 5 malevoli vanno in crisi. L’Isola mi ha aiutata anche in questo: mi sono resa conto della mia dipendenza da smartphone e social”.

Questa scoperta ha fatto sì che cambiassero le regole in casa sua: “All’inizio è stata durissima: quando guardavo un tramonto continuavo a pensare che fosse un peccato non poterlo fotografare e mettere su Instagram. Io e Marco Carta ci dicevamo: cazzo, ci vorrebbe il telefono. E fingevamo di averlo in mano e di scattare. Poi ho iniziato a pensare che, con quelle immagini e quei colori, dovevo fare come avevo sempre fatto fino a qualche anno fa: semplicemente imprimerle nella mente e ricordarle. E sono guarita. Da quando sono tornata non ho ancora guardato niente, non ho aperto nemmeno un social e ho deciso che toglierò Facebook e Twitter dal cellulare. Non solo: mi sono data e ho dato nuove regole in famiglia sull’uso del telefonino”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Orlando Bloom incrocia Katy Perry ad una festa

Brividi per l’incrocio tra l’attore Orlando Bloom e la cantante Katy Perry,…

Miley Cyrus torna a fare la cattiva ragazza spinello e topless

Il lupo perde il pelo ma non il vizio, questo è un…