Steven Spielberg presenta il suo quarto film storico con Tom Hanks

In Italia uscirà il prossimo 16 dicembre, ma già si preannuncia un film intenso e qualche critico si è azzardato a definirlo addirittura il film dell’anno: il trailer italiano ufficiale de Il Ponte delle Spie, il nuovo film di Steven Spielberg, ha fatto il suo debutto nel web, e già è cominciato il conto alla rovescia per correre al cinema.

Il regista ha unito nuovamente le forze con Tom Hanks dopo Salvate il Soldato Ryan, Prova a Prendermi e The Terminal per un thriller spionistico ambientato durante la Guerra Fredda.

Il film narra la vicenda di James Donovan, avvocato di Brooklyn, che si ritroverà a mediare, gestire e condurre in porto il primo scambio di spie fra Stati Uniti e Unione Sovietica nel 1962. Nella rete dei rispettivi servizi erano rimasti impigliati Rudolf Abel, un inglese di origine russa incaricato di spiare i segreti nucleari americani e il pilota Francis Gary Powers, abbattuto e catturato durante un volo segreto nei cieli sovietici con il suo U-2. Terzo incomodo, uno studente americano di economia, finito nelle carceri della Ddr perché ritenuto a torto una spia. Anche lui fece parte del primo scambio sul Glienicke Bruecke, per ferma volontà di Donovan, che era uomo leale e con la schiena dritta.

«Berlino è una città fantastica, così piena di storia», dichiara Hanks, che poi sorride ricordando i tre giorni di riprese passati sul ponte del titolo, il Glienicker Bruecke: «Mi ricordo soprattutto un gran freddo e noi intabarrati nei leggeri cappotti anni Sessanta. Sì, un gran freddo, d’altronde appropriato per una storia sulla Guerra Fredda».

“Sono un fanatico di storia – afferma Spielberg. – In molti pensano che questi film incentrati su eventi realmente accaduti siano un po’ atipici per il mio cinema. Non è così. Sono vent’anni che racconto queste storie: l’ho fatto in Amistad, Salvate il soldato Ryan, Lincoln e naturalmente Schindler’s List. Ed è la prima cosa che mi ha legato a Tom Hanks quando è nata la nostra amicizia: ci siamo scoperti entrambi superfan degli eventi storici. E da quel momento ci siamo sempre scambiati documentari, libri e film”.

Il film doveva essere presentato in queste ore anche a Parigi, ma naturalmente, dopo le terribili vicende di venerdì, la première è stata annullata.

Loading...
Potrebbero interessarti

Gianluca Vacchi non è abbastanza vip per il Billionaire?

Essere milionari e credersi una star non basta ad entrare nell’olimpo dei…

Alessandra Amoroso, in regalo il suo nuovo singolo su Facebook

Nella penultima puntata di Tu si Que Vales, i fans della bellissima…