SuperQuark, stasera Piero Angela ci porta a Yellowstone

In mezzo a un palinsesto estivo a dir poco privo di grandi sorprese ed emozioni, coi programmi più amati dal pubblico sospesi fino a fine mese almeno e con una marea di repliche a scandire le assolate ore della giornata, stasera, mercoledì 16 agosto, andrà in onda l’ottava puntata di SuperQuark 2017, programma amatissimo di Piero Angela.

In primis il celeberrimo conduttore ci porterà alla scoperta del Parco Nazionale di Yellowstone: Rocky Mountain Wilderness, un paradiso della fauna selvatica, ma anche un pericoloso punto caldo dal punto di vista geologico, poiché è in cima a un enorme vulcano, la cui caldera si estende per circa 72 chilometri, un luogo straordinario teatro di avvincenti drammi tra animali.

La puntata nello specifico mostrerà l’inverno nel Wild Yellowstone, con i lupi a caccia di cervi sulla neve, i castori che costruiscono una diga prima dell’arrivo del grande freddo. La volpe rossa caccia piccoli roditori sotto la neve con salti prodigiosi. Il grande Grizzly che mangia una carcassa di bisonte sotto la neve. Una lince a caccia di uccelli e anche mamma lontra con il suo cucciolo minacciati da un coyote. E ancora bisonti in marcia verso il bacino dei geyser.

Inoltre, ad arricchire la scaletta di stasera saranno anche ospiti e nuovi servizi. In studio, il neuroscienziato Piergiorgio Strata parlerà del cervello. In esterna, invece, il programma approfondirà il tema del ‘tumore sconfitto dal corpo’.

Arrivata già all’ottava puntata, la trasmissione divulgativa del volto Rai continua ad essere vista da una media di oltre 3 milioni di telespettatori a puntata, ottenendo un risultato di share invidiabile, trattandosi per di più di mercoledì di luglio e agosto.

Ricordiamo inoltre che, edita da Mondadori, è appena uscita nelle librerie “Il mio lungo viaggio”, la prima autobiografia di Piero Angela, scritta alla soglia dei novant’anni, il ritratto di un uomo retto e pacato, pronto a farsi sorprendere dalla vita e attento ai rapporti umani e lavorativi.

Next Post

Verona, italiana 15enne vittima di razzismo perché nera

Negli ultimi mesi si è parlato fino alla nausea dello Ius soli (in latino «diritto del suolo»), un’espressione che indica l’acquisizione della cittadinanza di un dato Paese come conseguenza del fatto giuridico di essere nati sul suo territorio indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori. Tra favorevoli e contrari, una cosa sembra certa: […]