Terremoto, Norcia: riaprono i negozi del corso

Eleonora Gitto

A Norcia, dopo il terremoto, riaprono i negozi del corso.

Finalmente Norcia ritorna alla vita, anche se ancora non compiutamente.

Molti negozi sono stati riaperti dopo i tragici eventi del sisma, e ora la via principale della cittadina, Corso Sertorio, che faceva parte della zona rossa, si appresta a vedere progressivamente i propri negozi rivivere.

I proprietari degli esercizi commerciali che hanno rialzato la saracinesca, sono in possesso dell’agibilità che li autorizza a riprendere la loro attività.

Fortunatamente, già prima di Natale, una buona parte hanno riaperto; altri stanno ultimando la sistemazione dei locali e la riattivazione dell’attività è prevista a breve.

Claudio Conterini, proprietario di un negozio di abbigliamento, racconta: “Già da ieri pomeriggio ho avuto qualche cliente che è venuto e mi ha detto che non vedeva l’ora che riaprissi perché voleva fare dei regalini di Natale”.

“La mattina del 30 ottobre – continua Conterini – stavo per venire ad aprire il negozio. Poi la grande scossa. Per fortuna che non ho fatto in tempo”.

E il proprietario di un negozio di informatica, che si trovava in quel periodo a Isernia, racconta: “Sono tornato da Isernia lo stesso giorno della scossa, compiendo un’avventura perché quel giorno tutte le strade erano chiuse. Oggi mi sento molto positivo e mi auguro di vedere nei prossimi giorni tanti altri negozi aperti”.

Next Post

Bomba ecologica nel Salento: 600 fusti di veleni sepolti a Ugento

Bomba ecologica nel Salento: nella discarica Burgesi di Ugento, in Provincia di Lecce, sono state sepolte tonnellate di veleni molto pericolosi per l’uomo. Quanto ritrovato sepolto nella discarica Burgesi, è ciò che rimane di 600 fusti contenenti rifiuti speciali smaltiti in modo illegale alla fine degli anni 90. Una situazione […]
Bomba ecologica nel Salento: 600 fusti di veleni sepolti a Ugento