Torino, dopo il finto invalido arrestato anche il suo complice

Lo scorso mese di febbraio un’anestesista iraniano di 56 anni è finito in manette con l’accusa di truffa ai danni dello Stato per aver finto, in seguito ad una caduta dalla scale nell’Ospedale in cui lavorava, di aver perso la vista nell’occhio destro, e di aver subito una diminuzione della sensibilità nel braccio destro e negli arti inferiori.

In realtà l’uomo aveva simulato il tutto con l’obiettivo di ottenere dei risarcimenti per un totale di circa un milione e trecentomila euro oltre a pensioni vitalizie Inps ed Inail per circa 5.000 euro al mese, ma grazie all’accurato lavoro dei carabinieri del Nas di Torino, l’uomo è stato scoperto e arrestato. Adesso a distanza di alcuni mesi ad essere arrestato è stato invece il complice, colui che accompagnava il finto invalido alle varie visite e che quindi, consapevole dell’inganno, prestava il suo aiuto all’uomo. Stando a quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, sembrerebbe che l’uomo avesse ricompensato il complice con una ingente somma di denaro ovvero 100.000 euro.

Secondo le indagini questo complice avrebbe accompagnato l’uomo alle visite talvolta come assistente badante e altre volte come medico.

 

Loading...
Potrebbero interessarti

Fare sport migliora anche cervello e vista

Che lo sport faccia bene a corpo e anima è una cosa…

Alzheimer ed herpes potrebbero avere origine dallo stesso virus

Due nuovi studi, che utilizzano approcci diversi, rafforzano ulteriormente la teoria dei…