Trapianto di fegato sbagliato allo Spallanzani di Roma. Morto un uomo di 57 anni

“In relazione alla notizia del decesso del paziente sottoposto a un intervento di trapianto di fegato, lo scorso 8 marzo, e a un successivo ritrapianto di fegato, il 30 aprile presso il Centro Trapianti del S. Camillo il Centro regionale Trapianti e la Direzione dell’Azienda ospedaliera e dell’IRCCS Spallanzani hanno attivato, nell’immediatezza dei fatti una indagine interna per verificare le circostanze dell’accaduto e le azioni di miglioramento da attivare con particolare riferimento all’evento avverso verificatosi durante il primo intervento chirurgico”.

Sono state queste le parole scritte in una nota dalla Regione Lazio, in riferimento al caso dell’uomo di 57 anni morto allo Spallanzani di Roma in seguito ad un trapianto di fegato sbagliato. Ecco nello specifico quanto accaduto. Il paziente era affetto da diversi anni da una grave epatite per cui è stato necessario intervenire con un trapianto di fegato effettuato lo scorso 8 Marzo. Purtroppo però il trapianto non è servito a migliorare la salute dell’uomo anzi al contrario l’ha peggiorata in quanto il sangue del paziente era AB negativo mentre invece quello del fegato trapiantato era AB positivo, un gruppo sanguigno diverso dal suo.

Per questo motivo è stato effettuato un secondo intervento il 30 aprile per tentare di riparare al danno effettuato ma purtroppo era ormai troppo tardi, il corpo del paziente cinquantasettenne era ormai troppo debilitato. L’uomo è così deceduto e adesso è stata aperta un’inchiesta per far luce su quanto accaduto.

 

Loading...
Potrebbero interessarti

Matrimonio solido? Scientificamente ti fa vivere a lungo

Un matrimonio solido può aiutarti a vivere più a lungo, secondo gli…

Capelli rossi qual è il segreto?

Tolti naturalmente i casi in cui le donne si tingono, vedere uomini…