Treviglio, il sindaco- professore senza laurea si dimetterà

Ignazio Marino non è l’unico sindaco in Italia ad essere stato travolto dallo scandalo: se il primo cittadino di Roma deve dar conto delle sue cene private con la carta di credito del Campidoglio, il sindaco di Treviglio deve giustificare una laurea che ha sempre millantato, ma di cui non è in possesso.

Giuseppe Pezzoni, sindaco di Treviglio, era finito nella bufera perché reo confesso, il 23 settembre scorso, di non aver mai conseguito la laurea, pur insegnando da oltre vent’anni al locale istituto salesiano, dove dal 2009 era anche preside della scuola superiore e dove si era dimesso subito dopo la confessione arrivata via Facebook, ed in queste ore ha annunciato: “mi dimetterò il 25 novembre, dopo l’approvazione in Consiglio comunale del bilancio”.

Pezzoni è indagato per falso e truffa, per la falsa laurea, ed in seguito è stato indagato con quasi tutta la sua Giunta anche per abuso d’ufficio per presunti favoritismi a un privato in un progetto per la realizzazione di una cittadella della salute.

Con le dimissioni del primo cittadino decadranno in automatico anche la Giunta e il Consiglio comunale e sarà mandato un commissario prefettizio che reggerà le redini del Comune per l’ordinaria amministrazione fino alle elezioni della prossima primavera, peraltro già in programma.

Next Post

Campania, tre poliziotti arrestati per favoritismi anche a Gigi D’Alessio

Una brutta storia di corruzione e malaffare, che ha coinvolto anche agenti dell’arma della Polizia, quella che viene da Caserta: tre poliziotti e altre 13 persone sono state arrestate dalla polizia della Questura di Caserta in un blitz scattato nella notte a Marcianise. I reati contestati a vario titolo sono […]