Una canzone francese per dare il via allo Zecchino D’Oro

Angela Sorrentino

E’ una delle manifestazioni canore più longeve del nostro paese, quella certamente più tenera e pura, l’unica che in questo momento difficile a livello mondiale più strapparci ancora un sorriso e una speranza per il futuro.

E c’è anche una canzone francese nella nuova edizione dello Zecchino d’Oro, la cinquantottesima di cui 56 a Bologna dopo le due iniziali a Milano.

Ed è toccato proprio a «Le parce que des pourquoi» aprire la kermesse canora dell’Antoniano. Un tributo che anche lo Zecchino ha rivolto a una città così duramente colpita come Parigi, in un’edizione che sarà peraltro dedicata a «Tutti i colori dell’uguaglianza».

Insieme al Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Vincenzo Spadafora, si andrà alla scoperta – attraverso testimonianze e performance – del valore dell’unicità e dell’importanza dei diritti garantiti a tutti senza discriminazioni.

12 le canzoni inedite in gara, con le quali il repertorio dello Zecchino d’Oro sale a 728 brani, 2 Paesi Esteri rappresentati, Egitto e Francia, 26 autori di testi e musiche, 10 arrangiatori, 14 piccoli interpreti provenienti da 12 diverse regioni d’Italia e selezionati dopo un tour che ha attraversato 16 regioni e 36 città, 60 i bambini del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni che canteranno insieme ai solisti, e 2 conduttori, Flavio Montrucchio e Cristél Carrisi, per uno Zecchino d’Oro ricco di sorprese.

Next Post

Il Segreto, anticipazioni mercoledì 18 novembre

Anche oggi, mercoledì 18 novembre, come di consueto andrà in onda nel pomeriggio di Canale 5 l’attesissimo appuntamento con il Segreto e i suoi personaggi, le cui vicende si fanno di giorno in giorno più avvincenti. In primis scopriremo finalmente le vere intenzioni di Jacinta, la pazza assassina che già […]