Una ricerca per dividerci tra esploratori o abitudinari

C’è chi al mattino non riesce ad iniziare la sua giornata se non compie le sue azioni di routine, che vanno dalla barba al caffè bollente, e chi si sente troppo spesso ingabbiato nella noia della vita quotidiana, e sogna di lasciare tutto, per potersi svegliare ogni giorno in un posto diverso del mondo.

Il mondo in sostanza è diviso tra esploratori ed abitudinari, e lo conferma anche una ricerca scientifica: dati di gps e cellulari raccolti da un team di scienziati dell’Università di Pisa e del Cnr, in collaborazione con il Barabasi Lab di Budapest e Boston, ha potuto permettere questa bipartizione.

Confrontando il raggio di mobilità ricorrente, relativo cioè agli spostamenti di routine, come fra casa e posto di lavoro o studio, e quello totale, relativo a tutti gli spostamenti, i ricercatori hanno scoperto che le persone tendono naturalmente a dividersi in due gruppi ben distinti, con caratteristiche molto diverse.

Il primo è composto da persone il cui raggio di mobilità ricorrente è molto simile a quello totale: la mobilità degli abitudinari o “returners” può essere ridotta agli spostamenti tra le poche locazioni più frequentemente visitate.

Viceversa, il gruppo degli “esploratori”‘ mostrano una mobilità “a stella”: un nucleo centrale (casa e posto di lavoro) intorno al quale gravitano altre locazioni, spesso molto distanti.

“Gli esperimenti hanno dimostrato che esploratori e abitudinari hanno capacità differenti di diffondere, attraverso i loro movimenti sul territorio, eventuali epidemie”, commenta Dino Pedreschi dell’Università di Pisa. “I due profili mostrano anche un certo grado di ‘omofilia sociale’: osservando la rete telefonica, gli esploratori tendono a comunicare più spesso con altri esploratori piuttosto che con gli abitudinari”.

Next Post

Caldo, meduse nei laghi alpini della Valle d'Aosta

Il caldo torrido che ha investito la penisola nei mesi scorsi di luglio ed agosto, ha portato degli ospiti inattesi nei laghi alpini della Valle d’Aosta. Nel corso di un’immersione nel lago di cava del Golf Les Iles di Brissogne quattro sub valdostani hanno trovato centinaia di piccole meduse mai […]
Medusa la Vespa di Mare puo uccidere in pochi minuti