Valtellina, minacce ad albergatore che ospita profughi

Ormai in Italia si vive di paradossi, in una situazione di non ritorno dove non essere razzisti e tendere la mano a chi ne ha bisogno è considerata un’azione indegna, e per questo bisogna temere ritorsioni.

La vicenda odierna arriva dalla Valtellina, dove il titolare di una struttura di Cosio Valtellino si è rivolto ai carabinieri dopo una lettera anonima recapitata la scorsa settimana e nuove minacce ricevute su Facebook, con l’invito a bruciare l’albergo.

Da alcuni mesi Giulio Salvi ospita numerosi richiedenti asilo, su richiesta della Prefettura di Sondrio: nelle scorse settimane il postino aveva recapitato una lettera anonima, straripante di minacce xenofobe (“via i migranti dall’hotel o li uccido uno a uno”, era scritto in un passaggio della missiva), ora sono comparsi anche messaggi postati su Facebook che invitano gli amici e i concittadini “a incendiare l’hotel di Cosio Valtellino che accoglie i profughi”.

“Diamo fuoco all’albergo” che “sta a due minuti da casa mia” incita l’uomo dal suo profilo su Facebook nel quale appare con soprannome, cognome e foto, lasciando intendere di abitare a poca distanza dalla struttura ricettiva che, a suo dire, “incassa 4,5 milioni di euro con i profughi (finti)…”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Roma, 24 enne afgano cerca di abusare di una donna sul pianerottolo

Un’altra storia di “ordinaria” violenza, perché oramai le donne non sono tranquille…

Renzi intercettato, Letta è un vero incapace

Una nuova bufera si abbatte sul premier Matteo Renzi, e stavolta a…