WWF, la minaccia delle trivelle sui siti protetti

Eleonora Gitto

Il WWF parla della minaccia delle trivelle sui siti protetti e considerati patrimonio naturale.

Un terzo di questi sono a rischio a causa di operazioni minerarie di devastazione del territorio o trivellazioni sconsiderate.

Tra l’altro, le aree sono passate dal 24% del 2014 al 31% del 2015. Un incremento davvero notevole in un anno.

A rischio, per esempio, è la famosa grande barriera corallina australiana, uno straordinario, incredibile ecosistema che si estende per centinaia e centinaia di chilometri a est dell’Australia.

Questo ecosistema unico è considerato estremamente fragile da un punto di vista ambientale e della conservazione.

Un altro esempio può essere l’Africa, dove il 60% delle riserve sono ormai minacciate dall’industria.

Spesso le operazioni previste sono ad alto impatto ambientale, ma i relativi permessi sono rilasciati dalle autorità con estrema facilità. Basta pagare. Come in Italia, d’altro canto.

Preso atto di tutto questo, il WWF ha invitato molti governi a creare delle zone, all’interno dei parchi naturali, completamente interdette a ogni tipo di attività che preveda escavazioni, trivellazioni e simili.

Il Direttore della ONG, David Nussbaum, ha dichiarato che “stiamo andando fino agli estremi confini della Terra per accaparrarci risorse che stanno diventando sempre più difficili da estrarre”.

Next Post

Il Segreto, anticipazioni domenica 4 ottobre

Anche oggi, domenica 4 ottobre, la soap opera spagnola Il Segreto farà compagnia ai suoi fedeli telespettatori nella serata di Canale 5. Una serata molto triste: assisteremo infatti alla morte di Rita. La ragazza è felice, ha appena iniziato a godersi la vita finalmente assieme al suo Isidro, ma Doroteo […]