X Factor, in partenza l’edizione 2017 su Sky Uno HD

Mancano ormai pochissime ore al suo esordio ufficiale: domani, giovedì 14 settembre, il talent show musicale più famoso della Rai, X Factor, riapre i battenti alle 21.15 su Sky Uno HD con le selezioni.

Lo scopo è sempre lo stesso: cercare tra migliaia di aspiranti cantanti la nuova popstar della musica italiana. L’arduo compito è affidato ai 4 giudici Mara Maionchi, Manuel Agnelli, la new entry Levante e Fedez.

Confermatissimo per il settimo anno alla guida dello show Alessandro Cattelan che in tutte le fasi delle selezioni avrà il compito di sostenere dal backstage gli aspiranti concorrenti, prima e dopo la performance sul palco.

“E’ il mio settimo anno, ho iniziato a fare questo programma appena trentenne e ora ne ho quasi quaranta, ma ogni anno è come ripartire da zero. Ci sono stati dei cambiamenti interni che hanno portato delle novità, non vogliamo sederci su quello che è stato”, spiega il conduttore.

Sul fronte novità quella più rilevante riguarda gli inediti che faranno il loro esordio alla quinta puntata per tutti gli otto concorrenti in gara in quel momento.

Quest’anno sono i ben 16 i Paesi del mondo rappresentati nel corso della nuova stagione, con artisti che in fase di selezione hanno portato sul palco brani non solo in inglese ma anche in spagnolo, arabo e francese.

Alcuni di loro hanno già fatto breccia nel cuore dei giudici, come Samuel Storm, 19enne nigeriano che è approdato in Italia dopo 9 mesi di viaggio: una storia drammatica la sua che però non mette in ombra il talento del ragazzo, che conquista giuria e pubblico con l’inedito The Fire e viene definito da Fedez un papabile vincitore.

Le prime sei puntate registrate andranno in onda il 14, 21 e 28 settembre; poi sarà la volta delle audizioni, dei bootcamp (con la sfida delle sedie: 5 per giudice contro le 6 disponibili). Il 19 ottobre gli ‘home visit’ laureano i 12 concorrenti, tre per giudice. Le puntate dal vivo iniziano il 26 ottobre.

Next Post

Tatuaggi, il “per sempre” invasivo che altera i linfonodi

I tatuaggi sono “per sempre”, l’intervento è invasivo e l’inchiostro utilizzato, ridotto in nanoparticelle, arriva ai linfonodi alterandone la forma. Un tatuaggio è per sempre e già questo dovrebbe far riflettere, ma da oggi si aggiunge un elemento in più che i patiti dei tattoo dovrebbero valutare prima di sottoporsi […]
Tatuaggi invasivo che altera i linfonodi