Yara, nuova testimonianza in aula per inchiodare Massimo Bossetti

Il processo a carico di Massimo Bossetti, unico accusato per l’omicidio della 13 enne Yara Gambirasio, entra nel vivo e ulteriori testimonianze arrivano a sostenere il castello accusatorio, che cercherà di far condannare il muratore, che invece continua a difendersi e a proclamare la sua innocenza.

Oggi in aula ha rilasciato la sua deposizione il colonnello dei Michele Lorusso, il comandante dei Ros di Brescia (ora a Torino) che per quattro anni gli ha dato la caccia e che adesso, snocciola numeri, date, circostanze raccontando per ore la storia di un’inchiesta che non ha pari negli approfondimenti investigativi, vista la mole di dati ed esami effettuati per arrivare a lui.

«Per arrestare Bossetti subito dopo la conferma dell’esame del Dna, mandammo degli uomini in borghese nel cantiere di Seriate dove stava lavorando e loro si presentarono dicendo che dovevano fare dei controlli sull’eventuale presenza di lavoratori stranieri. Bossetti, come risulta dal filmato che abbiamo realizzato in quegli istanti, si trovava al secondo piano di una palazzina e appena vide avvicinarsi i carabinieri tentò di fuggire….»: persino il racconto di un tentativo di fuga arriva a complicare la già delicatissima posizione dell’uomo.

La deposizione fiume del colonnello Lorusso, ascoltato in aula dal pm Letizia Ruggeri per tutta la mattinata, ha consentito di portare in aula le principali prove a carico dell’imputato: il Dna e i filmati.

Lorusso ha spiegato inoltre che il muratore la sera del rapimento era nella zona della palestra di Brembate Sopra, e il suo cellulare aveva agganciato la cella del paese per molto tempo. Non era andato dal commercialista, come aveva detto, e non aveva risposto a ripetute chiamate del fratello.

Loading...
Potrebbero interessarti

Scuola, a ottobre 500 euro in busta paga per i docenti

Il Governo, come aveva promesso, appena finite le vacanze estive si è…

Roma, morto lo sceicco umbro che aveva tentato di acquistare la squadra

In Italia era conosciuto soprattutto dai tifosi della Roma, dato che il…