Zuckerberg e Internet.org: satelliti per il Web in tutto il mondo

Eleonora Gitto

Mark Zuckerberg vuole portare il Web in tutto il mondo lanciando satelliti.

Non sono certo le idee fantascientifiche a mancare al CEO di Facebook Mark Zuckerberg.

Questa volta dal suo canale di comunicazione preferito, ossia il suo social network promuove Internet.org con il quale intende portare il Web ovunque anche nell’Africa subsahariana.

A quanti si chiedono come riuscirà Zuckerberg nel nobile intento, possiamo dire che lo farà lanciando satelliti. E’ solo un’idea? No, affatto.

Il progetto è pronto e il primo satellite, AMOS-6, partirà nel 2016. Ovviamente Zuckeberg si avvarrà della collaborazione anche di Eutelsat.

“Sono entusiasta di annunciare il nostro primo progetto per fornire internet dallo spazio. Come parte degli sforzi di Internet.org per collegare il mondo, abbiamo raggiunto una partnership con parte con Eutelsat per lanciare un satellite che collegherà milioni di persone”, scrive Zuckerberg su Facebook.

Lo stesso Mark Zuckerberg ha scritto che il lancio “avverrà in un’orbita geostazionaria che coprirà gran parte dell’Africa occidentale, orientale e meridionale. In queste regioni la compagnia lavorerà con partner locali per aiutare le comunità ad accedere ai servizi internet. La connettività cambia le vite e le comunità”.

Poi Mark conclude “Questa è solo una delle innovazioni su cui stiamo lavorando per realizzare la missione che ci siamo prefissati con Internet.org. La connettività cambia le vite e le comunità. Continueremo a lavorare per collegare tutto il mondo, anche se questo significa guardare di là del nostro pianeta”.

Next Post

Corte UE, Facebook in USA non garantisce la privacy

Per la Corte UE il social network Facebook negli USA non garantisce la privacy, ossia i dati personali degli utenti europei non sono abbastanza protetti. La Commissione UE qualche tempo fa aveva deciso che gli Stati Uniti garantivano in modo sufficiente la protezione dei dati personali degli utenti europei. Oggi la […]
Corte UE, Facebook in USA non garantisce la privacy